Condividi su facebook
Condividi su twitter
La Juniores è stata ammessa nel massimo campionato regionale A1, mentre la squadra degli Allievi è stata ripescata per il campionato regionale A2
CALCIO

Dopo il meritato accesso del Todi Calcio al Campionato di Promozione, anche la Juniores è stata ammessa nel massimo campionato Regionale A1. La squadra è stata così affidata al tecnico Fabio Trotta con una rosa composta nella maggior parte da ragazzi sotto-quota che si impegneranno al massimo per ben figurare nella prossima stagione sportiva.
Ma le buone notizie non finiscono qui. Infatti alcuni giorni fa è stata formalizzata l’iscrizione nel Campionato Regionale di Prima Categoria del Todi Giovanili, realizzando così l’obiettivo prefissato di creare una squadra di appoggio a quella maggiore, in cui i giovani tuderti possano maturare calcisticamente e procurarsi quel bagaglio di esperienza necessaria per cimentarsi in futuro nelle categorie superiori. Proprio per questo la conduzione tecnica e gestionale è stata affidata allo staff ex Juniores Todi Calcio (Federici Luca, Cocchieri Andrea e Spazzoni Ilio) che, accanto ad alcuni “veterani”, hanno strutturato una rosa di 25 calciatori di tutto rispetto.
La Todi calcistica può inoltre gioire per l’ammissione al Campionato Regionale A2 della squadra Allievi che, classificatasi seconda lo scorso anno, ha acquisito il diritto a partecipare al campionato di categoria superiore grazie al primo posto ottenuto nella graduatoria ripescaggi con uno score di 78 punti, creando il vuoto alle proprie spalle. Sicuramente hanno anche inciso le tante attività ed iniziative poste in essere dal settore Giovanile tuderte che, per merito dei tecnici e del responsabile Massimo Tommasini, ha posto in essere una serie di manifestazioni sportive, ricreative e sociali di tutto rispetto. Non ultima l’organizzazione dell’unico Campus in Umbria denominato “Milan Academy Junior Camp”,  a cui hanno partecipato oltre 50 giovani calciatori registrando un unanime gradimento sia nei ragazzi che nello staff organizzativo dell’AC Milan.
Gran parte del merito quale artefice delle promozioni conseguite è da attribuire al lavoro svolto in maniera egregia dalla segreteria e nello specifico a Marco Introppico che, grazie alle sue puntuali capacità organizzative, ha permesso alla Todi calcistica di poter coronare con le carte e nei tempi giusti ciò che in campo (causa Covid) non è stato possibile conseguire, cioè il pokerissimo.
Alcuni in città dicono “siamo come la Juve abbiamo la prima squadra e l’under 23 che fa crescere i giovani”. Comunque i presidenti delle 2 società, che viaggiano all’unisono, Luca Rossini e Marco Angeloni non si scompongono e insieme a tutti i dirigenti sono certi che la stagione appena conclusa entrerà nel guinness dei primati e nella storia del calcio tuderte.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter