Condividi su facebook
Condividi su twitter
I primi cittadini contrari alla decisione della Regione di instituire un’area di lungodegenza per malati covid-19
todi-ospedale-pantalla-accesso3

No ad una nuova riconversione a ospedale Covid per Pantalla e no all’attivazione di spazi Covid che compromettano i servizi che sono ripartiti nelle scorse settimane. Gli 8 sindaci della Media Valle del Tevere esprimono la ferma contrarietà alla scelta della Usl Umbria 1 di attivare a Pantalla, a partire da sabato 17 ottobre, un’area di lungodegenza per ospitare fino a 30 pazienti Covid-19.

“Non è condivisibile – spiegano i sindaci – la decisione, peraltro repentina, di predisporre fino a 30 posti letto per malati Covid presso l’ospedale della Media Valle Tevere, pregiudicando nuovamente i servizi riattivati con difficoltà, alcuni dei quali da pochissimi giorni. La scelta operata tra sabato e domenica è in netto contrasto con quanto ci è stato riferito, appena due settimane fa, dai vertici della sanità regionale e non può che suscitare il nostro dissenso, sia perché non è stata minimamente motivata e condivisa, sia perché fortemente penalizzante per la popolazione del nostro territorio che nel corso della prima ondata ha già subito gravissimi disagi. Nessuno intende sminuire la gravità dell’emergenza in corso, né tantomeno sottrarsi al senso di responsabilità che ci ha sempre contraddistinto, ma è altresì innegabile che gli oltre 60.000 cittadini della Media Valle del Tevere hanno già sostenuto il peso di forti restrizioni e in questa fase le criticità collegate alla seconda ondata pandemica vanno distribuite più equamente su tutto il sistema sanitario regionale”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter