Condividi su facebook
Condividi su twitter
Firmate le ordinanze da parte della presidente dell’Umbria Tesei; sono 30 i posti individuati per la struttura della Media Valle del Tevere
ospedale pantalla 2

La Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, ha ufficializzato le anticipazioni sulle strutture ospedaliere destinate ad ospitare malati di Covid-19.

Spoleto e Pantalla potranno ospitare rispettivamente fino a 70 posti e 30 posti di malati. Nell’ospedale della Media Valle del Tevere, dove sono già ricoverati 18 pazienti, potranno essere ricoverati solo malati che necessitano cure a bassa intensità. È notizia di oggi pomeriggio che nella notte tra martedì e mercoledì è deceduto all’ospedale Media Valle del Tevere un uomo di 91 anni residente a Foligno positivo al Covid-19. Il paziente è deceduto in seguito ad un infarto.

Le ordinanze firmate dalla Tesei, avranno effetto fino al 31 gennaio 2021. Secondo la presidente, la decisione è stata necessaria visto il progredire dei contagi e che non viene escluso il coinvolgimento di altri ospedali, se la situazione, come sembra, dovesse evolvere verso un ulteriore peggioramento.

Secondo quanto riferito dall’assessore Coletto, attualmente sono 170 i posti letto occupati, mentre in terapia intensiva sono ricoverate 20 persone. Inoltre sono cresciute a 1.856 i soggetti in isolamento domiciliare.

Alla luce di questi dati, la Regione sta attuando l’ultimo step del Piano di gestione dei posti letto della rete ospedaliera emergenza coronavirus, con cui è stata definita una strategia che prevede quattro livelli di sviluppo, strettamente legato al periodo di emergenza.  

A tal fine sono state emanate specifiche ordinanze, e a giugno 2020 con la delibera n. 483, è stata dettagliata sia la riorganizzazione dei percorsi sanitari, che la riorganizzazione e potenziamento dei posti letto e della rete dell’emergenza che il sistema ospedaliero andrà ad affrontare prevedendo anche la realizzazione di un ospedale da campo. 

Al momento siamo al IV livello per occupazione dei posti letto ed è stata prevista l’attivazione di 175 posti tra le varie discipline e sono state portate a 81 le terapie intensive in parte Covid e in parte generaliste, ma – come ha specificato l’assessore alla Salute – siamo pronti ad implementare il numero fino a 124, come fatto nella prima ondata. Vanno quindi necessariamente individuate strutture dedicate come stabilito dal IV step del IV livello. 

Lo sviluppo fino al IV livello prevede DEA di II livello (Perugia e Terni), DEA di I livello, (Gubbio-Gualdo Tadino, Città di Castello, Foligno, Spoleto e Orvieto), Ospedali di base, (Castiglione del lago, Umbertide, Assisi, Media Valle del Tevere Narni, Amelia) e strutture dedicate.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter