Condividi su facebook
Condividi su twitter
L'Amministrazione evidenzia come ciò sia stato possibile a fronte della rimodulazione a favore delle strutture ricettive e dell'esenzione di alcune categorie meno abbienti
todi-comune

È stato approvato ieri dalla Giunta Municipale di Todi l’ultimo tassello del sistema della Tassa dei Rifiuti per l’anno 2020. “Come è noto, il Comune di Todi, grazie all’azione della intera maggioranza – sottolinea una nota – è riuscito nella straordinaria impresa di ridurre le tariffe del 2020 (rispetto al 2019), nonostante i massicci investimenti che hanno visto la luce, negli ultimi anni, nella nostra città”.
“L’estensione del sistema porta a porta nel centro storico, la sostituzione di tutti i cassonetti di antica generazione con quelli nuovi in acciaio corten, l’implementazione della tariffa puntuale (unico comune in Umbria al di sopra dei 15.000 abitanti), l’installazione delle isole ecologiche informatizzate – sottolinea il vice Sindaco Adriano Ruspolini – sono solo degli esempi del grandissimo lavoro svolto negli ultimi anni. A ciò si aggiunga la decisa rimodulazione del pagamento per le strutture ricettive, che adesso pagano in base al loro modo di utilizzare il servizio e non in base alla loro dimensione come accadeva in precedenza”.

Nel Comune di Todi non pagano la TARI per le utenze domestiche i seguenti nuclei familiari:
• Fino ad una ISEE di 8.265,00 con 1 o 2 componenti
• Fino ad una ISEE di 12.000,00 con 3 componenti
• Fino ad una ISEE di 15.000,00 con 4 componenti
• Fino ad una ISEE di 20.000,00 con 5 componenti
“È un risultato che, nelle sue straordinarie dimensioni, ci rende orgogliosi per la consistenza dello stesso e per la logica politica che lo sottende”, sottolinea la nota dell’Amministrazione comunale, che ribadisce “la grande attenzione della maggioranza alle fasce più deboli della popolazione, in un’ottica di premialità per le famiglie numerose, che, nella nostra città, hanno trovato finalmente il posto ideale per poter vivere e prosperare”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter