Condividi su facebook
Condividi su twitter
Nata l'11 novembre del 1920 a Collazzone è rimasta legata al paese natio per tutta la vita: è stata per quasi mezzo secolo a fianco del parroco monsignor Carlo Pazzaglia
Maria Ciancabilla(1)

Maria Ciancabilla ha tagliato in traguardo dei cento anni. Tutto il paese di Collazzone voleva fargli festa ma il Covid non lo ha permesso. Comunque tutti i collazzonesi si sono stretti in un ideale e caloroso abbraccio intorno a Maria per questo suo speciale compleanno. L’11 novembre del 1920 Maria nasce a Collazzone, terzogenita di Gildo, calzolaio del paese, e Agata e qui nel suo paese, a cui è molto legata,  si svolge tutta la sua vita. Il tratto distintivo che ha sempre accompagnato Maria, è stato il suo altruismo e la sua dedizione nel fare del bene agli altri. Già da giovane, al termine della Seconda Guerra Mondiale, inizia infatti a frequentare ed aiutare le Suore del Monastero di Collazzone e il loro asilo.
Comincia così anche la sua attività di assistenza  alla Parrocchia che la vedrà per quasi 50 anni a supporto dello storico parroco di Collazzone monsignor Carlo Pazzaglia. Quando le suore, infatti, torneranno alla casa madre, Maria continuerà da sola la sua attività di assistenza fino al 1995, anno in cui monsignor Carlo Pazzaglia muore. Nel cuore dei collazzonesi Maria è sempre stata  persona onesta,  pronta e disponibile verso chi ha avuto  bisogno del suo aiuto dedicando  molto del suo tempo alla cura di persone sole e anziane. Sempre energica si è dedicata al suo  lavoro con impegno, presso il  Comune di Collazzone. Nonna di tutti, in grado di ascoltare e consigliare, ha saputo essere accogliente anche con le nuove generazioni.
Nei suoi lunghi 100 anni non ha mai fatto mancare il suo contributo a qualunque evento sociale o manifestazione ci fosse stata a Collazzone, per questo la Pro Loco del paese, a nome di tutti i collazzonesi, ha voluto onorare la ricorrenza con una targa ricordo, a testimonianza delle doti di rispetto delle tradizioni locali, dei valori religiosi della comunità, di dignità e generosità di Maria. Per la impossibilità di festeggiare la ricorrenza in modo adeguato ed in presenza, la targa ricordo le è stata consegnata per il tramite della famiglia Trovarelli che da molti anni le è stata, ed è tuttora, particolarmente vicina. Tanti auguri Maria.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter