Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il Sindaco Coata prolunga la sospensione delle attività scolastiche che erano già state oggetto di una precedente ordinanza
fratta scuola

È stata prolungata fino a sabato 13 febbraio la sospensione delle attività scolastiche in presenza nel Comune di Fratta Todina. Ad annunciarlo è il Sindaco, Gianluca Coata che aveva già predisposto, con ordinanza sindacale, la stessa sospensione dall’1 al 6 febbraio. Per cui, dopo la chiusura delle scuole elementari avvenuta il 20 gennaio, si è deciso di sospendere le attività didattiche in presenza anche nelle scuole medie pubbliche e paritarie, compresi gli asili ed il nido.

“Stiamo facendo tutti un grande sforzo – spiega Coata – per fronteggiare al meglio la situazione. Questo grazie anche all’impegno ed alla capacità organizzativa degli insegnanti che si sono adoperati al massimo per l’insegnamento, attraverso la tecnologia, anche al di fuori delle aule scolastiche. Ad oggi, dopo un ulteriore aggiornamento con le direzioni didattiche, abbiamo verificato che l’insegnamento tramite la D.A.D. procede regolarmente e tutti gli studenti seguono le lezioni da casa. Grazie anche alla costante collaborazione con i Dirigenti scolastici, l’attenzione è molto alta, soprattutto verso i ragazzi con difficoltà di apprendimento che frequentano le scuole elementari e medie di Fratta Todina, per i quali stiamo vagliando ogni possibile soluzione al fine di garantire la continuità allo studio per tutti. 

Dobbiamo essere consapevoli che la tecnologia disponibile ci sta dando un grande sostegno per lo svolgimento delle lezioni – sottolinea il primo cittadino frattigiano – permettendo di portare avanti il programma scolastico annuale, senza che nessuno venga escluso”. 

Coata conclude con un “forte appello alla responsabilità di tutta la comunità, per superare il prima possibile questa situazione e tornare al più presto alla normalità nelle scuole e nei paesi, e recuperare la socializzazione ormai persa, per il bene di tutti, in primis per le giovani generazioni”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter