Condividi su facebook
Condividi su twitter
La 19esima edizione della manifestazione podistica si è svolta in quattro giornate nel rispetto delle precauzioni dettate dalla situazione pandemica
Poesini

Bella chiusura per il 19° Giro Podistico dell’Umbria, che a Tuoro sul Trasimeno ha concluso il suo cammino iniziato giovedì con l’unica tappa mattutina della kermesse. C’era grande attesa per la sfida femminile, con Federica Poesini e Ana Nanu divise da appena 23” alla vigilia dell’ultima partenza. La sfida fra le due è stata vibrante e densa di tatticismo, la fatica delle quattro giornate di corsa si è fatta sentire nelle gambe delle protagoniste, ma alla fine la Poesini (nella foto) è riuscita a portare a casa la vittoria finale, chiudendo la tappa conclusiva al terzo posto, dietro due atlete giornaliere, Linda Carfagna (Gubbio Runners), che si è aggiudicata la frazione di quasi 11 km in 46’18”, e Sara Cortona (Atletica Il Colle), seconda a 14”. La portacolori della Tiferno Runners ha chiuso a 23”, aggiudicandosi così il Giro con 56” su Ana Nanu (Atletica Rimini Nord) e 3’49” su Francesca Dottori (Sport Atletica Fermo) che per soli 7” ha contenuto il veemente ritorno negli ultimi due giorni di Emanuela Varasano (Atletica Capanne).

Ben diversa la situazione in campo maschile, dove il kenyano della TX Fitness Simon Kibet Loitanyang ha bissato la vittoria dello scorso anno alla stessa maniera del 2020, ossia aggiudicandosi tutte e 4 le tappe. Nell’ultima è stata avvincente la sfida con Fabio Conti, partecipante giornaliero dell’Atletica Winner Foligno, ma alla fine Loitanyang ha fatto fermare i cronometri sul tempo di 35’16” con 28” su Conti e 2’04” su Umberto Persi (AT Running). Nella classifica finale il corridore africano iscrive il suo nome nell’albo d’oro con 5’43” sullo stesso Persi e 13’27” su Nicola Zibetti (Winner Foligno).

Eccezionale la partecipazione all’ultima tappa sulle rive del lago Trasimeno, con oltre 270 atleti in gara. Perfetta per tutta la settimana la gestione della complessa macchina organizzativa da parte dell’Atletica Capanne di Sauro Mencaroni, che anche grazie all’appoggio delle autorità locali e delle forze dell’ordine ha potuto portare a termine un compito gravoso, dimostrando che allestire gare podistiche in sicurezza è possibile anche in tempo di pandemia. Per il Giro dell’Umbria, la più antica delle prove a tappe in Italia, è un ulteriore titolo di merito.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter