Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il progetto nell’area della ex clinica Bocchini, della Fondazione Comunità Marscianese, per gli over 65 e disabili
Residenza senior 3

Con grande soddisfazione la Fondazione Comunità Marscianese ha appreso che il progetto della costruzione del complesso residenziale per over 65 e disabili, da realizzare nel centro di Marsciano nell’area della ex clinica Bocchini, è stato inserito dalla Regione Umbria tra le 45 proposte presentate al Governo per il Piano nazionale di ripresa e resilienza, ovvero il piano di investimenti che sarà finanziato dai fondi europei del Recovery Plan. 

“Oltre che alla Regione Umbria – spiega il presidente Giovanni Marcacci – il nostro ringraziamento va anche al Comune di Marsciano che ha a sua volta indicato alla Regione il progetto del complesso residenziale come strategico non solo per Marsciano ma per tutto il territorio umbro. Ora l’auspicio è che passi il filtro governativo e sia inserito anche tra i progetti che l’Italia proporrà alla Commissione Europea”.    

Il complesso residenziale, che prevede 15 appartamenti strutturati in due moduli, quello “senior” per gli anziani over 65 e quello “solidale” per le persone disabili rimaste prive del sostegno familiare, si inserisce in un contesto più ampio, dove sono già presenti un orto terapeutico e un giardino sensoriale e dove stanno per sorgere altri servizi strategici rivolti alla fascia anziana della popolazione, rappresentati da una residenza protetta, una residenza servita e un centro diurno. Un vero e proprio polo della terza età intorno a cui può operare una rete di attività di natura sociale e sanitaria che la Fondazione ha già iniziato a creare, grazie al supporto delle Istituzioni e di tante associazioni.

Servizi e attività che hanno lo scopo di favorire il benessere psico-fisico degli anziani come dei disabili, attraverso l’interazione con tutta la comunità. Perché è la comunità tutta che deve avere a cuore il benessere della sua parte più fragile e a rischio isolamento e impoverimento sociale. È un segno di civiltà, che va messo in campo con tante diverse forme di sostegno, l’una complementare all’altra, dai progetti per favorire l’autonomia e la permanenza di anziani e disabili nel proprio nucleo familiare fino ai servizi residenziali e socio-culturali sui quali è al lavoro la Fondazione Comunità Marscianese.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter