Condividi su facebook
Condividi su twitter
La massima assise cittadina ha votato all'unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria: la cerimonia sabato 8 maggio
Carlo Tascini 1

Il professore Carlo Tascini è ora ufficialmente cittadino onorario di Marsciano. A conferirgli tale onorificenza è stato, con voto unanime, il Consiglio comunale su proposta del presidente Vincenzo Antognoni condivisa da tutta l’amministrazione. L’attestato di cittadinanza onoraria sarà consegnato al professore Carlo Tascini sabato 8 maggio, con una cerimonia in Municipio.

Carlo Tascini, originario proprio di Marsciano, è un medico e ricercatore attualmente professore di malattie infettive presso l’Università degli Studi di Udine. Con la sua attività medica presso il presidio ospedaliero della città friulana, dove dirige la clinica di malattie infettive, si è particolarmente distinto nella lotta al Covid-19, promuovendo l’adozione di un sistema di “diagnosi differenziale” che ha consentito di salvare numerose vite umane.

“Carlo Tascini è un medico di grande umanità, esperienza e professionalità – sottolineano il sindaco Francesca Mele e il presidente del Consiglio comunale Vincenzo Antognoni – che ha dedicato la sua vita, con passione e dedizione, alla ricerca scientifica, lavorando sia in Italia che all’estero, e alla cura dei malati, anche a rischio della sua stessa salute. In questi mesi di pandemia anche la comunità di Marsciano ha avuto modo di farne la conoscenza grazie alla disponibilità del professor Tascini a partecipare ad incontri, sia online che, quando è stato possibile, in presenza, finalizzati a informare la popolazione sui rischi del coronavirus, sui comportamenti corretti da tenere per contrastarne la diffusionee sull’importanza della vaccinazione. La cittadinanza onoraria vuole esprimere quindi il riconoscimento che la comunità di Marsciano ha verso di lui per il suo lavoro nel campo medico scientifico e per la vicinanza che ha sempre dimostrato verso la sua comunità di origine”.

 

 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter