Condividi su facebook
Condividi su twitter

Todi Civica, attraverso un ordine del giorno depositato dal consigliere Floriano Pizzichini, chiede che il consiglio Comunale di Todi impegni la Giunta e gli uffici preposti a realizzare una apposita pagina sul sito del Comune di Todi, attraverso la quale far conoscere la Legge sul Testamento biologico, fornendo ogni utile informazione al cittadino che volesse predisporre la propria DAT ( DISPOSIZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO) .
La Legge n. 219 del 22 dicembre 2017, comunemente nota come legge sul testamento biologico, ha introdotto nell’ordinamento italiano “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate sul trattamento”. Un tema certamente delicato e complesso da affrontare, rispetto al quale evitiamo valutazioni di merito. Ma proprio in ragione di ciò,  riteniamo,  che nel rispetto delle diverse sensibilità, idee politiche e credi religiosi,  ogni cittadino, solo se consapevole ed adeguatamente  informato, possa decidere in piena libertà e coscienza, secondo la propria volontà.
La legge stabilisce che una persona maggiorenne, capace di intendere e di volere, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, possa esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari, incluse la nutrizione e l’idratazione artificiale, nel caso in cui dovesse trovarsi in stato d’incapacità.
Il recente Decreto n. 168 del 10 dicembre 2019, disciplina inoltre  le modalità di registrazione delle DAT nella Banca dati nazionale.
Da un recente sondaggio emerge che la conoscenza degli italiani della normativa è ancora piuttosto superficiale, solo il 19% infatti dichiara di essere ben informato mentre il 28% non ne ha mai sentito parlare.
Tra quanti conoscono la legge e non hanno sottoscritto le Dat si dichiarano convinti il 51,4%, contrari il 27,4% e indecisi poco informati il 21,3%.
Crediamo utile e corretto, pertanto, che tale disposizione sia adeguatamente inserita sul sito comunale. 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter