Condividi su facebook
Condividi su twitter
Terminato il progetto realizzato da Frontiera Lavoro con il contributo del Centro per il Libro e la Lettura e del Ministero della Cultura: coinvolti 5 comuni umbri tra i quali Marsciano, Monte Castello di Vibio, San Venanzo
IMMAGINE LIBRO E OROLOGIO

Con la consegna dei dispositivi tecnologici e delle componenti di arredo per le Biblioteche di cinque comuni umbri, si è concluso il progetto“Open Library – Le biblioteche incontrano il territorio”, realizzato da Frontiera Lavoro con il contributo del Centro per il Libro e la Lettura e del Ministero della Cultura.
Il progetto si è avvalso di una rete ricca e articolata: sono stati coinvolti 5 comuni (Marsciano, Monte Castello di Vibio, San Venanzo, Castiglion del Lago, Città della Pieve), oltre 10 istituti scolastici, ma anche Case editrici, Librerie, Associazioni del territorio e naturalmente le biblioteche comunali.
Nonostante la situazione emergenziale a seguito della pandemia abbia costretto a rimodulare molte attività, nel corso dei due anni di progetto sono state svolte numerose azioni, fra le quali un corso di Biblio web manager per operatori delle biblioteche e altri professionisti dell’ambito dell’editoria, percorsi di educazione alla lettura per i bambini, laboratori di promozione dell’abitudine alla lettura e della conoscenza delle culture del mondo per ragazzi e adulti, italiani e stranieri.
Da segnalare anche l’iniziativa English Story Telling: percorsi incentrati sulla lettura e la conoscenza della lingua inglese riservati ai più piccoli, tenuti in modalità a distanza.
Ogni laboratorio ha poi prodotto un suo output, realizzato dai partecipanti: booktrailer, libro illustrato, audio libro, filmati di reading poetici e narrativi: un ampio ventaglio a testimoniare l’attiva e vivace partecipazione dei destinatari.
Open Library in definitiva è stato un progetto in grado di diffondere la cultura del libro su più livelli e verso target diversi e variegati, nonché di valorizzare le biblioteche come luogo di cultura e fonte di sapere.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter