Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il coordinatore per la Cisl dell'Area Sindacale Territoriale del territorio perugino, interviene sul tema caldo dell’ospedale della Media Valle del Tevere
Valerio natili

“I cittadini della Media Valle del Tevere sono ormai rassegnati, sanno di non avere alcuna certezza sul futuro dell’Ospedale Comprensoriale di Pantalla”. È Valerio Natili, coordinatore per la Cisl dell’Area Sindacale Territoriale del territorio perugino, a sollevare la questione. “Ad oggi – spiega il sindacalista – l’ospedale di Pantalla non risulta essere tornato ai livelli di funzionamento pre-covid e gli stessi operatori sanitari, unitamente alle Federazioni sindacali di FP Cisl, Uil FPL, Fp Cgil Fials e Nursing Up in stato di agitazione su tutto il territorio regionale manifestano forti perplessità”.

La Cisl dell’Umbria reputa non più rinviabile un confronto serio e trasparente sul destino dell’Ospedale di Pantalla. “Questa struttura – precisa Natili – deve necessariamente essere coinvolta all’interno del circuito ospedaliero regionale e rappresentare il fulcro della medicina territoriale del comprensorio della Media Valle del Tevere”. Alla luce di questa consapevolezza, rivolgendosi alle istituzioni, Natili ribadisce la necessità di decisioni politiche e quindi di passare dalle parole ai fatti: “Ci risulta – sottolinea – che attualmente agli atti non ci sia alcuna determina o decisione politica che dia seguito ai proclami fatti sui giornali da parte della maggioranza di governo della città di Todi a difesa del nosocomio”. 

C’è poi la raccolta fondi, lanciata in piena pandemia: “È stata certamente un successo – afferma Natili – ma perchè nessuno intende intestarsi il merito di essere riuscito a sensibilizzare la cittadinanza su questo tema? Alla sindaca di Marsciano, che chiedeva informazioni sull’esito di tale raccolta, nessuno ha ancora dato risposta, così come alle interpellanze dei gruppi di minoranza tuderti, che chiedevano lumi sul destino dei macchinari acquistati con i fondi raccolti. Sempre più cittadini si interrogano sul perché la raccolta fondi non abbia apportato i miglioramenti sperati all’Ospedale di Pantalla e all’intera Media Valle del Tevere”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter