Condividi su facebook
Condividi su twitter

Cooperazione, tracciabilità, web marketing, innovazione e internazionalizzazione: sono solo alcune delle skills strategiche per affrontare al meglio le nuove dinamiche del mondo del lavoro nel settore delle produzioni agroalimentari e diventare imprese realmente sostenibili e ancora più focalizzate sul valore del cibo prodotto, come l’Europa chiede.
Su queste basi nasce il corso per la qualifica di “Tecnico della sostenibilità e della qualità nelle filiere agroalimentari”, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, che verrà presentato alla stampa lunedì 11 ottobre a Perugia, alle ore 10:30, nella sala Emilio Sereni della sede CIA-Agricoltori Italiani dell’Umbria.
Il corso, costituito da una formazione gratuita teorico/pratica di 350 ore e da un tirocinio curricolare in azienda di 4 mesi, con indennità mensile di 600 euro, prenderà il via il prossimo novembre a Todi ed è realizzato da tre partner di grande esperienza: l’agenzia di formazione, marketing e comunicazione Tatics Group di Perugia, l’Istituto Agrario “Ciuffelli-Einaudi” di Todi, eccellenza nell’istruzione tecnica e tecnologica, e Chronica NewConsulting, la nuova società di servizi di CIA Umbria che ha il principale obiettivo di sostenere gli imprenditori agricoli attraverso specifici interventi di consulenza e formazione.

Presenti alla conferenza stampa il presidente e il direttore CIA Umbria, Matteo Bartolini e Alfonso Motta, il project manager Tatics Group Roberto Quatraccioni, la dirigente dell’Ist. Agrario Ciuffelli-Einaudi Venusia Pascucci, il coordinatore ARPAL Umbria – Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro Adriano Bei e l’assessore alle Politiche agricole e forestali della Regione Umbria Roberto Morroni. È stato invitato a partecipare anche l’assessore regionale allo Sviluppo economico, innovazione, digitale e semplificazione Michele Fioroni.

L’accesso al percorso formativo (domande aperte fino al 15 ottobre, modulistica su www.isistodi.edu.it www.ciaumbria.it www.tatics.it) è riservato a 15 allievi diplomati, disoccupati o inoccupati, iscritti ai Centri per l’impiego della Regione Umbria.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter