Condividi su facebook
Condividi su twitter
Presentazione venerdì 19 novembre, presso la sala Capitini, del libro di Franco Raimondo Barbabella, edito da Intermedia Edizioni
Barbabella

C’è stato un preciso momento nella storia del mondo occidentale in cui l’uomo ha cominciato a cambiare radicalmente il proprio modo di vedere la realtà, passando da un pensiero magico che riconduceva ogni fatto naturale alla volontà imperscrutabile degli dei ad una visione che, per la prima volta, era incentrata sull’esistenza di leggi razionali ed immutabili che regolano il mondo. 

Questo passaggio fondamentale è avvenuto nella Grecia classica, grazie all’opera dei filosofi naturalisti, conosciuti come i “presocratici”. Anassimandro, Anassimene, Democrito, Ippocrate. Sono solo i più importanti tra le figure di pensatori la cui riflessione e studio è al fondamento di quel pensiero logico-razionale che ha segnato per sempre uno spartiacque rispetto al passato e sulle cui basi si poggia la nostra visione del mondo, non solo dal punto di vista delle scienze esatte come la fisica e la matematica, ma anche di una razionalità insita nei rapporti sociali. 

Non a caso è nella Grecia del sesto secolo che viene inventata la democrazia. A questi temi di straordinario interesse è dedicato il volume di Franco Raimondo Barbabella, edito da Intermedia Edizioni, dal titolo “E venne il modo di ripensare il mondo. La rivoluzione che ha dato origine al pensiero critico filosofico e scientifico”. Il libro sarà presentato venerdì 19 novembre a Marsciano alla sala Capitini alle ore 21. L’incontro sarà introdotto da Francesco Matteucci, presidente del circolo “Pertini”, interveranno il docente di filosofia Daniele Morici, l’editore Claudio Lattazi e l’autore. Moderatore Floriano Pizzichini.

https://www.intermediaedizioni.it/attualita/1060-e-venne-il-modo-di-ripensare-il-mondo-la-rivoluzione-che-ha-dato-origine-al-pensiero-critico-filosofico-e-scientifico.html

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter