Condividi su facebook
Condividi su twitter
natale

Il Natale, in un passato non remotissimo, era una festa diversa. Nello Gentili, scrittore e poeta tuderte nel suo libro “El capo de casa” ha ritratto, ricorrendo all’uso di espressioni dialettali, il sistema di valori e di ruoli sociali della civiltà contadina.

Largo femmine, scanzate tutti i pignatti e tutte le stufarole chè mettemo su il ceppo de Natale. St’attente, Carmè, nun me lo lassa’ all’improviso, perchè se me lo fai stioppà sui lupini me fai vede’ le stelle pel camino mica no. Ecco, brao, accusì piano piano.
Bello el ceppo de Natale quest’anno, guarda che presenza: pare el padrone del foco; un po’ sbrozzoloso ma ‘mbè po’ ji.
O Carme’, vedemo un po’ se che cionno preparato le femmine: i maccaroni dolci aggià so’ pronti: l’ho visti ‘ndo’ l’arca; ‘ndo’ sta stufarola ci sta el baccalà co l’ua secca; ‘ndo’ ‘n quest’altra ce sta el sugo pe’ la minestra de’ cici col tresemarino; vedo che la Filomena mantiene l’usanze antiche, me sta bene.
Ecco fatto, mettemoce a sede’ tutti attorno al foco: me da gusto la sera de le feste grosse d’artrovasse tutti riuniti accusì in pace e in salute. Io me ne ricordo tante de ste sere: me ricordo le favole che una volta m’arcontava el nonno, i discorsi che me facea el babbo, l’orazione che m’ansegnava la mamma; me ricordo anche, e pare impossibile, com’erono jatti tanti ceppi de Natale che se so’ bruciati.

Na volta, quann’ero potto, steo a sede’ su la nicchia a guarda’ le formiche che scappaono da na brozza del ceppo che se bruciava; annaono su pe na fraschetta per cerca’ de salvasse, ma po’ artornaono addietro perchè la fraschetta nun toccava da niciuna parte. Me faceono tanta pena, pore bestiole, e allora je detti un filo de ginestra per falle salva’.
Un’altra volta, in tempo de cena, arrivò un vecchietto che nun ciavea do’ anna’. Me parea tanto brutto quanno entrò e tremava tutto. El nonno lo fece mette accosto a lui e cenò con noi. Doppo cena parea un’altro; la notte dormì a casa nostra e quanno partì el giorno doppo già me c’ero affezionato.

Dopo qualche anno el nonno morì e la prima sera de Natale che avemo passato senza lui, ho pianto sempre. E l’anni so passati e uno per volta ho visto il posto del babbo e quello de la mamma armene’ voti. Nun ho pianto più perchè ormae ero un omo, ma ho pregato per loro senza famme accorge da niciuno.
Quest’anno, fiji cari, ringraziamo Dio che stemo tutti bene. Io e la mamma avemo cercato di preparavve na bella festa co’ na bella cenetta e i vestiti novi per domani. C’è voluto el sacrificio, ma l’avemo fatto contenti perchè ve volemo bene.
Voialtri sete boi e pensate che noialtri nun ce staremo sempre. Allora ricordateve de noi e Dio ve benedica.

El capo de casa

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter