Condividi su facebook
Condividi su twitter
Una rappresentanza di imprenditori guidati da Confagricoltura hanno incontrato il Sindaco Federici affinchè possa essere ridiscussa la metodologia di classificazione che penalizza gli operatori del settore primario
bandiere Confagricoltura-2-2

Il territorio di Massa Martana è stato escluso dalle zone cosiddette svantaggiate, che beneficiano di sgravi e di aiuti significativi. La situazione è stata al centro di un recente incontro tra il Sindaco di Massa Martana, Francesco Federici, ed una rappresentanza di imprenditori agricoli massetani guidati dal responsabile di Confagricoltura Umbria area media valle del Tevere, Stefano Torricelli.
Il processo di revisione previsto dal Reg. UE 1305/2013, con la nuova delimitazione delle zone soggette a vincoli naturali significativi, diverse dalle zone montane, rappresenta un duro colpo per il comparto agricolo e per l’economia massetana. Per questo motivo la modifica stabilita dal comitato di sorveglianza – PSR dell’Umbria è oggetto di opposizione.
La metodologia seguita per la nuova delimitazione ha previsto due fasi: una fase di applicazione dei criteri biofisici e una fase di fine tuning basata su indicatori strutturali ed economici. La richiesta è quella di poter ridiscutere i criteri che hanno portato all’esclusione di Massa Martana, penalizzandola rispetto ad altri territori limitrofi e con le caratteristiche analoghe.
Il primo cittadino ha preso l’impegno con gli imprenditori agricoli e con Confagricoltura di avviare un confronto con la Regione Umbria al fine di addivenire ad una soluzione che permetta di rivedere la metodologia usata per la classificazione.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter