Condividi su facebook
Condividi su twitter

Basta speculazioni politiche sull’ospedale di Pantalla, i cittadini meritano rispetto. Le bugie raccontate in questi giorni sul futuro del nosocomio della Media Valle del Tevere hanno il solo scopo di alimentare la paura tra la popolazione. Abbiamo ascoltato esponenti della sinistra locale, i cui partiti nel corso degli anni non hanno fatto altro che svuotare la sanità umbra di servizi e professionalità, formulare accuse senza fondamento sull’operato della Regione Umbria.

L’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, come riportato anche dal consigliere regionale della Lega, Francesca Peppucci, ha spiegato che ad oggi non c’è necessità di riconvertire l’ospedale di Pantalla in covid hospital. Qualora la situazione epidemiologica dovesse peggiorare a causa dell’aumento delle ospedalizzazioni, potrebbe essere prevista una parziale riconversione della struttura che non comporterà, in ogni caso, alcuna interruzione delle prestazioni sanitarie ad oggi erogate. Le annose criticità della sanità umbra, tra cui la mancanza di strutture adeguate, di personale medico-sanitario e di terapie intensive, hanno rappresentato una condizione di partenza deficitaria a cui la governatrice Tesei e l’assessore Coletto hanno dovuto far fronte fin dall’inizio della pandemia.

Che oggi la sinistra cerchi di negare le evidenti responsabilità della sciagurata gestione sanitaria degli ultimi anni è vergognoso, così come lo è ancora di più speculare politicamente sul covid e sui malati umbri. La sinistra tuderte apra gli occhi e vada oltre i propri interessi politici per comprendere la gravità di una pandemia che ha colpito l’intero Paese e che sta mettendo a dura prova la tenuta sanitaria di tutte le regioni italiane. A noi della Lega Todi sta a cuore il futuro dell’ospedale di Pantalla, ma a differenza di chi chiacchiera e non fa nulla, vogliamo rimboccarci le maniche e lavorare per garantire un percorso di valorizzazione della struttura.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter