Condividi su facebook
Condividi su twitter

Lunedì  10 Gennaio nel seguire la seduta del  Consiglio Comunale, abbiamo assistito ad una delle pagine più brutte della politica tuderte. Non per atteggiamenti scorretti da parte delle forze politiche di maggioranza ed opposizione, ma per come l’attuale maggioranza sta gestendo ormai da tempo la questione Ospedale di Pantalla negando l’evidenza e prendendo in giro i cittadini.

Ciò che ci ha sconcertato ancora di più è stato l’intervento della Consigliera Peppucci che riveste un doppio ruolo in quanto Consigliera Regionale e membro della 3^ Commissione sanità. Il tema del dibattito: Pantalla di nuovo Ospedale COVID e Pronto Soccorso aperto o no.
Spostare il dibattito unicamente sul Pronto Soccorso e non sul tema generale dei servizi che il Presidio Ospedaliero di Pantalla non eroga più, lo riteniamo una furbata, ma tant’è.

E qui la Consigliera Peppucci ha dato il meglio di se, arrampicandosi sugli specchi per rassicurare tutti citando e mostrando la circolare emanata dal Commissario Emergenza COVID Massimo D’Angelo, nella quale testualmente si dice che presso l’Ospedale di Pantalla saranno previsti 24 posti COVID e che il Pronto Soccorso sarà perfettamente funzionante e non sarà chiuso. 

Aldilà che si continua a “privilegiare” Pantalla ormai drammaticamente non più Ospedale in quanto privato di macchinari  trasferiti in altri nosocomi ed altri presenti ma non funzionanti e continuare anche a chiamare Pronto Soccorso un presidio che invece è diventato Primo Soccorso,  è scandaloso.

Le cose sono due Consigliera Peppucci: o lei ignora  cosa significhi Pronto Soccorso e cosa necessiti perchè la struttura possa assolvere ai suoi  compiti – presenza di un Reparto di Chirurgia con personale H24, Anestesista H24, presenza di un Reparto Medicina H24 (che sarà dedicato invece CIVID). Se pensa che a Pantalla tutto questo esiste, noi non ce ne siamo accorti!
Oppure è in mala fede, perché nonostante l’evidenza dei fatti continua a ripetere copioni scritti da altri.  Consigliera Peppucci ormai lo hanno compreso tutti.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter