Condividi su facebook
Condividi su twitter

Un sogno, una ipotesi di Parco pedo-geo architettonico proteso allo sviluppo sostenibile della comunità pastorale di :
COLLEVALENZA – ROSCETO – CHIOANO – FICARETO – MONTICELLO – TORRECECCONA.
Le pietre, la storia, la cultura, l’architettura della città di Todi sono la linfa del successo mondiale della nostra città.
Il messaggio della Misericordia e Speranza portato a Collevalenza dalla Beata Madre Speranza soffia in tutto il mondo.
Due orgogliosi motivi che portano e porteranno sempre più pellegrini e turisti. A loro abbiamo il diritto dovere di far trovare un ambiente degno della migliore accoglienza possibile. Le cose giuste al posto giusto saranno apprezzate da tutti a partire da noi stessi.

L’ipotesi più ideale è quella di istituire un “PARCO TERRITORIALE DI SVILUPPO SOSTENIBILE” promosso con l’amministrazione comunale di Todi. Idea più volte emersa dalle attività culturali del nostro Club-ACLI supportata anche da una “tesi di laurea”. Un progetto di ampio respiro a partire dalla esaltazione della bellezza delle pietre esistenti e profondo dialogo con il pedoclima della zona e le sue attività al fine di avere il massimo risultato con il minimo sforzo.

Le cose da cambiare, adeguare, aggiungere ed esaltare non saranno poche ma dentro un progetto complessivo non sarà difficile realizzarle. La cultura, la scienza, la tecnica del nostro paese e dell’Europa offrono esperienze e soluzioni a non finire. Basterebbe partire dai “protocolli” stilati dalle associazione dei borghi italiani, il touring club ed altre, per fare subito il punto di ciò che manca per la migliore soddisfazione dei gruppi e singoli in arrivo. Poi si dovrà intervenire sul miglior collegamento possibile tra Collevalenza e Todi dove la Tiberina è sempre più strada cittadina con non pochi “sgarbi architettonici”, pericoli e quasi senza marciapiedi. Parcheggi pubblici zero in tutti i sei castelli, zero luoghi pubblici di uso sociale, percorsi e impianti sportivie via via, scorrendo i citati protocolli dei borghi più belli d’Italia, chissà quante cose utili ci saranno da fare per la miglior vita civile di tutti noi e delle future generazioni.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter