Condividi su facebook
Condividi su twitter
L'artista, pioniere della video arte, famoso per le sue installazioni in piazza San Marco, all'Expo di Hannover e negli Emirati Arabi, darà continuità al progetto di arte contemporanea che già vede protagonisti la Pepper e Pomodoro
fabrizio plessi a Todi

Fabrizio Plessi, 81 anni, artista italiano di fama mondiale, onorerà a settembre con la sua arte la città di Todi. Come trapelato in questi giorni, infatti, saranno alcune sue installazioni a dare continuità al percorso, avviato negli anni precedenti con Beverly Pepper e Arnaldo Pomodoro, con il quale va sempre più rafforzandosi il ruolo di Todi quale città di storia, cultura e piccola capitale di arte contemporanea.

Plessi, laureato all’Accademia delle Belle arti di Venezia nel 1962, tra i pionieri della video arte concentra la sua opera artistica sui temi dell’acqua e del fuoco. Oltre ad aver curato il padiglione italiano all’Expo di Hannover, nel 2000, è stato responsabile del Padiglione Venezia alla Biennale del 2011. Negli anni scorsi Plessi ha installato in piazza San Marco, mentre in questi mesi è impegnato con una sua esposizione all’Istituto Italiano di Cultura di Abu Dhabi, dove ha presentato cinque installazioni video su schermi TV indipendenti, che presentano l’acqua come elemento vitale.

E proprio l’acqua sarà protagonista della grande installazione che troverà posto sulla piazza del Popolo di Todi, tra i palazzi comunali che svettano verso il cielo e le cisterne romane sottostanti, alla cui esistenza e funzione l’opera in qualche modo richiama. La “cascata” sarà accesa nelle ore notturne, mentre con la luce del giorno l’installazione assumerà il profilo di un moderno monolite.

Anche se non vi sono ancora conferme, sulla scorta di quanto avvenuto negli ultimi anni, di Fabrizio Plessi sarà anche la grande mostra di arte contemporanea che accompagna, in genere nella Sala delle Pietre, lo svolgimento del Todi Festival. Un tributo ad un’artista che è punto di riferimento internazionale dell’arte digitale e che si è fatto apprezzare per lo sforzo di umanizzare la tecnologia, trovando un equilibrio nella coscienza storica dell’uomo.

Qui sotto il link con il video

https://youtube.com/shorts/5EsynpZgXLI?feature=share

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter