Condividi su facebook
Condividi su twitter
A fuoco i campi di medica dell'Istituto Agrario, con il fumo che ha investito la città e destato grande preoccupazione: provvidenziale l'intervento dei vigili del fuoco che hanno impedito che si avvicinasse alle abitazioni e al camposanto
campi bruciati agraria todi

Le alte temperature di inizio estate sono la causa, salvo casi di dolosità da accertare, di vari incendi che si sono verificati nei giorni scorsi in Umbria, tanto da far alzare il livello di guardia da parte delle istituzioni.
Nella giornata di domenica scorsa a Todi sono stati addirittura tre i focolai segnalati tutti in prossimità della città. Il più importante ha visto protagonisti i campi dell’Istituto Agrario “Ciuffelli” in prossimità del cimitero vecchio, dove sono andati a fuoco oltre 5 ettari di fieno pronto per essere raccolto.
L’incendio, data anche alla presenza del vento, ha assunto dimensioni preoccupanti, con la colonna di fumo spinta verso sud e anche addosso alla città, destando l’allarme di molti residenti. Sul posto sono dovuti intervenire i vigili del fuoco, i quali, grazie anche alla collaborazione di un terzista che ha tracciato alcuni solchi intorno ai terreni, sono riusciti ad impedire che il fuoco divampasse anche su altre proprietà circostanti avvicinandosi pericolosamente alle zone abitate.
La raccomandazione rivolta ai proprietari terrieri è quella di provvedere ai tagli nelle aree incolte e alla manutenzione dei terreni non coltivati al fine contenere i rischi di incendio dei quali potrebbero essere chiamati ad assumersi le responsabilità.

 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter