Condividi su facebook
Condividi su twitter
L’apparecchio salvavita è stato donato alla cittadinanza dall’Associazione Sant’Antonio da Padova, che ha raccolto fondi attraverso le sue iniziative in favore della comunità 
Defibrillatore Doglio q

Nei giorni scorsi a Doglio, si è tenuta una breve cerimonia per la consegna e l’installazione del defibrillatore donato alla popolazione dall’Associazione Sant’Antonio da Padova. Per l’occasione erano presenti i consiglieri comunali Leonardo Lipparoni e Costantino Pancrazi, il Parroco Don Nello Bertoldi e il dottor Massimo Loria già primario del P.S. di Ascoli Piceno, che lo scorso anno ha tenuto gratuitamente a Doglio alcune lezioni di primo soccorso con esercitazione pratica a circa 40 persone.

Sapere cosa fare in caso di emergenza è fondamentale non solo per se stessi ma anche per gli altri, e anche se quello che possiamo fare è poco, l’importante è farlo bene. Si può dire che con questo gesto, la piccola frazione di Doglio è “cardioprotetta”.

L’associazione, ha sempre avuto un occhio di riguardo verso la salute, contribuendo in larga parte alla realizzazione di alcuni importanti obiettivi del “Comitato Daniele Chianelli”, del resto la salute è un argomento che tocca tutti da vicino. L’istallazione del defibrillatore costituisce una sicurezza in più non solo per la popolazione più anziana, poiché una recente ricerca scientifica, ha messo in risalto come è aumentata la fascia dei giovani che soffrono di patologie cardiache più o meno nascoste, e un defibrillatore, probabilmente, potrebbe salvargli la vita.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter