Condividi su facebook
Condividi su twitter
La problematica che sta affliggendo il settore, è stata al centro di un incontro tra Comune di Marsciano e i rappresentanti del settore delle costruzioni
Marsciano comune3

Le dinamiche di aumento dei prezzi delle materie prime e il superamento delle ricadute che tali aumenti hanno sulla esecuzione delle opere pubbliche, a cominciare da quelle già finanziate e assegnate, sono stati al centro di un incontro promosso dall’amministrazione comunale di Marsciano con i rappresentanti del mondo dell’impresa e del settore delle costruzioni in particolare. 

All’incontro, che si è tenuto in Municipio martedì scorso, hanno preso parte il sindaco Francesca Mele, l’assessore ai lavori pubblici del Comune, Francesca Borzacchiello, il consigliere comunale con delega alla viabilità nei centri abitati, Roberto Lepanti, il presidente di Confindustria Umbria, Vincenzo Briziarelli, il responsabile di Cna Edilizia Perugia, Emanuele Bertini, il presidente di Ance Umbria (Associazione nazionale costruttori edili) Albano Morelli, il presidente di Confartigianato edilizia Perugia, Augusto Tommassini. Presenti anche alcuni tecnici delle associazioni imprenditoriali e il nuovo responsabile dell’Area lavori pubblici del Comune di Marsciano, ingegner Mario Brizi. 

“La problematica affrontata – spiega l’assessore Francesca Borzacchiello – non riguarda, naturalmente, solo il Comune di Marsciano ed è dovuta al fatto che, da una parte i lavori legati al superbonus del 110% che hanno saturato il mercato, e dall’altra il forte aumento dei prezzi di molte materie prime, tra cui il gasolio, a partire dalla fine del 2021, stanno determinando, di fatto, il blocco dei lavori pubblici,  compresi quelli già assegnati alle ditte esecutrici e che quest’ultime non sono in condizione di cominciare perché l’aumento dei costi le esporrebbe a perdite economiche significative. Il Governo ha introdotto delle misure, tra cui la possibilità di utilizzare i ribassi d’asta per compensare l’aumento dei costi di esecuzione dei lavori. All’interno di questi strumenti il Comune, in collaborazione con le imprese, si sta muovendo e sta riuscendo a sbloccare opere rimaste ferme da mesi, ma per alcune tipologie di lavori si tratta di misure insufficienti o di complicata attuazione, specie quando le opere sono finanziate con fondi europei. Il risultato è che alcuni lavori già assegnati non riescono ancora a partire e per altri interventi, programmati e finanziati, non si trovano ditte esecutrici”. 

A fronte delle problematiche che stanno interessando i lavori pubblici le richieste che l’amministrazione ha fatto ai rappresentanti delle associazioni di categoria, trovando pieno accoglimento, sono state quella di favorire uno scambio di informazioni aggiornate sull’evoluzione dei prezzi e di attivare una collaborazione per utilizzare al meglio le misure esistenti di erogazione di aiuti alle imprese. Passaggi utili a ricreare la necessaria fiducia tra mondo imprenditoriale e pubblica amministrazione, in una fase in cui si è, tra l’altro, in attesa della formulazione e pubblicazione di un nuovo preziario regionale straordinario, che dovrà essere operativo fino alla fine dell’anno e che rappresenta uno strumento di lavoro fondamentale.

“Alle associazioni di categoria – afferma il sindaco Francesca Mele – va il ringraziamento del Comune di Marsciano per la disponibilità dimostrata nel collaborare con le Istituzioni. L’obiettivo condiviso è quello di sbloccare quanto prima e nel migliore dei modi la realizzazione di opere pubbliche che sono importanti per la comunità. L’incontro effettuato segna l’avvio di una collaborazione che proseguirà nei prossimi mesi e che dovrà esprimersi anche in un costante raccordo tra istituzioni, tecnici progettisti e mondo dell’impresa al fine di adattare alla situazione contingente attuale le caratteristiche e le soluzioni progettuali, a cominciare dai materiali utilizzati”. 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter