Condividi su facebook
Condividi su twitter
Alcuni colpi di carabina ad aria compressa sono stati indirizzati verso lo stabile in cui si stavano tenendo le prove
elisa sabbatini_sindaco castel ritaldi

Il 31 agosto scorso, durante le prove dell’Associazione musicale Santa Cecilia di Castel Ritaldi, che si svolgono all’interno dei locali che fino a un anno fa ospitavano le scuole primarie, nella zona industriale, sono stati sparati cinque colpi da una carabina ad aria compressa, in direzione dello stabile, finendo sui muri e senza fortunatamente colpire o ferire nessuno.

Avvertiti dai responsabili dell’associazione musicale, i militari dell’Arma dei Carabinieri sono rapidamente intervenuti sul posto, avviando subito le indagini e mettendo sotto sequestro i proiettili sparati. Sono già stati ascoltati alcuni residenti e sono al vaglio anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona.

Il sindaco di Castel Ritaldi, Elisa Sabbatini (nella foto) ha commentato la vicenda, portando solidarietà all’associazione musicale Santa Cecilia e chiedendo una più forte presenza delle forze dell’ordine sul territorio: ”Ci troviamo di fronte a un fatto gravissimo e che mai ci saremmo aspettati in un territorio come il nostro. Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine e ci affidiamo alle indagini per capire cosa possa essere successo e perché. Sarebbe auspicabile un rafforzamento della presenza delle forze dell’ordine nel nostro comune, per tutelare ancor più la sicurezza dei nostri cittadini, soprattutto negli orari notturni. Ci stringiamo attorno all’associazione musicale e siamo più che mai al loro fianco così come a ogni associazione cittadina. Un sentito ringraziamento va a tutte le forze dell’ordine per il lavoro che svolgono quotidianamente e per l’impegno che stanno mettendo nel chiarire la vicenda”. 

Il Comune ha subito sporto denuncia, anche in merito ai danni subiti dall’edificio pubblico.
L’associazione musicale Santa Cecilia di Castel Ritaldi è attiva da oltre un secolo ed è una realtà radicata nel territorio. E in città non si ricordano episodi simili, né ai danni della banda né di altre associazioni.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter