Condividi su facebook
Condividi su twitter
A young woman in trendy stylish glasses and a bright orange oversized jacket on a white background smokes an electronic cigarette

Le sigarette elettroniche, come sappiamo, sono piccoli dispositivi alimentati da una batteria ricaricabile, che permettono di simulare il meccanismo e la gestualità di chi fuma le normali sigarette. 

Acquistare le sigarette elettroniche e tutti gli accessori necessari per utilizzarle è molto facile: oltre ai negozi tradizionali dedicati a questo tipo di articolo, è disponibile una grande varietà di prodotti da svapo su Terpy e, in generale, sui portali di e-commerce specializzati. 

Negli ultimi anni, la sigaretta elettronica si è diffusa enormemente non solo in Italia ma in tutta Europa, sia perché non comporta i danni alla salute tipici di una sigaretta tradizionale, sia perché si tratta di un’esperienza del tutto particolare, in cui la tecnologia del sistema di vaporizzazione si fonde con la squisitezza dell’aroma. 

Tecnicamente, la sigaretta elettronica è costituita da un vaporizzatore, azionato da un sistema elettronico a batteria, e dalla presenza di un liquido particolare, che permette di ottenere la sensazione dell’inalazione e la successiva emissione di una nuvola di fumo, proprio come avviene con una sigaretta. Inutile dire che non si verifica alcuna combustione: se mai, talvolta è presente una piccola luce Led che si accende al momento dell’inalazione, simulando anche esteticamente la sigaretta accesa. 

Il mercato delle sigarette elettroniche nel territorio europeo

Secondo le ricerche di mercato e gli studi più recenti, il business delle sigarette elettroniche si sta sviluppando notevolmente in tutta Europa e molto probabilmente raggiungerà nei prossimi anni livelli sempre più alti. 

Ormai è abbastanza noto che il fumo sia responsabile di patologie piuttosto gravi, inoltre, anche a seguito della recente epidemia di Covid 19, è stato evidenziato come i consumatori di sigarette fossero più soggetti a complicazioni, oltre ad avere un sistema immunitario più debole. 

La consapevolezza dei danni che il fumo può provocare, e la dipendenza fisica e psicologica provocata dall’uso della nicotina, hanno contribuito al diffondersi delle sigarette elettroniche, utilizzate anche come incentivo da chi abbia intenzione di liberarsi dal vizio del fumo.  

Infatti, la sigaretta elettronica consente di eliminare gradatamente il desiderio compulsivo del fumo, evitando al contempo di inalare sostanze inquinanti, e mantenendo le proprie abitudini e tutti i piccoli riti tipici di un fumatore. 

Ciò significa che il bassissimo, o quasi nullo, fattore di rischio che la sigaretta elettronica comporta, in aggiunta al fatto di essere divenuta un accessorio di tendenza, ha contribuito ad ampliare il mercato sia in Italia che in Europa, dando vita ad un interessante opportunità di business.  

Aumento delle vendite di e-cig nei paesi dell’UE 

La diffusione dell’uso delle sigarette elettroniche è abbastanza evidente: ormai si notano un po’ ovunque le persone che usano questo dispositivo in sostituzione di una normale sigaretta. Un mercato piuttosto fiorente, che, a quanto pare, promette inoltre ulteriori sviluppi. 

In alcuni paesi, la diffusione delle sigarette elettroniche è legata soprattutto alle campagne diffuse a livello nazionale contro i rischi che il tabacco e le sigarette tradizionali provocano alla salute. 

Regno Unito e Francia, ad esempio, promuovono spesso l’uso delle sigarette elettroniche come strumento importante per diminuire il consumo del tabacco e smettere di fumare: non a caso, il Regno Unito è ai primi posti nel business delle e-cig.

Sviluppo del business delle e-cig in Italia

Anche in Italia, ovviamente, stiamo assistendo ad un notevole sviluppo della vendita e dell’utilizzo di sigarette elettroniche. Tuttavia, questo business potrebbe essere ancora più fiorente se non fossero applicate pesanti tassazioni, soprattutto sui liquidi da utilizzare per la vaporizzazione. 

Certamente, questo dettaglio non è bastato a frenare il business, che nel corso di cinque / sei anni è comunque arrivato praticamente a raddoppiare le vendite e continua ad incrementarsi sempre di più.   

Ciò significa che anche le previsioni per questo settore commerciale siano piuttosto promettenti, e le aziende che si occupano di vendita e distribuzione di sigarette elettroniche e relativi accessori siano destinate quasi senza dubbio a crescere ulteriormente. 

Perché passare alla sigaretta elettronica: vantaggi e benefici

Nella maggior parte dei casi, i consumatori europei di sigarette tradizionali decidono di adottare la sigaretta elettronica per liberarsi dalla dipendenza del fumo, ma spesso anche per poter fumare nei luoghi dove di solito il fumo crea disagio, come la propria casa o l’ufficio. 

La principale differenza che rende le sigarette elettroniche più salutari è l’assenza del catrame, la sostanza maggiormente responsabile di problemi e patologie, compresi i tumori polmonari. Inoltre, con la sigaretta elettronica è possibile controllare la quantità di nicotina inalata, o addirittura eliminarla del tutto. 

È da considerare anche l’esperienza particolare che le sigarette elettroniche comportano: infatti è stato ipotizzato che circa il 15% degli abitanti dell’Unione Europea ha provato almeno una volta ad utilizzare la sigaretta elettronica, sia come sostituzione delle normali sigarette, sia per provare qualcosa di nuovo, come semplice curiosità. 

 Per quanto finora non sia stato ancora possibile confermare al cento per cento l’efficacia delle sigarette elettroniche nei confronti di chi desidera togliersi il vizio del fumo, né la totale assenza di rischi per la salute, è evidente che rappresentano un interessante incentivo per vincere la dipendenza della nicotina e che di certo non producono gli effetti collaterali spesso devastanti delle sigarette. 

In ogni caso, per proteggere la salute, si raccomanda di evitare l’uso delle sigarette elettroniche da parte di soggetti molto giovani e di donne in gravidanza e di non eccedere nell’uso, limitando soprattutto i liquidi contenenti nicotina. 

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter