Condividi su facebook
Condividi su twitter
La visita inizierà davanti al Palazzo del Comune per proseguire all'interno della Chiesa parrocchiale (1654) fatta edificare dal cardinale Giovambattista Altieri.
palazzo altieri
Domenica 16 ottobre, nell’ambito delle Giornate FAI d’Autuno, oltre alla visita guidata al paese di Fratta Todina, è prevista la visita del seicentesco Palazzo Altieri, normalmente non fruibile, in quanto sede del “Centro Speranza”, gestito dalla Congregazione delle Suore Ancelle dell’Amore Misericordioso.
Il percorso della visita inizierà davanti al Palazzo del Comune (che patrocina l’iniziativa) per proseguire all’interno della Chiesa parrocchiale (1654) fatta edificare dal cardinale Giovambattista Altieri.
Dopodichè sarà possibile ammirare l’interno del Palazzo Altieri con i suoi chiostri, la galleria con affreschi seicenteschi di scene bibliche e i grandiosi giardini interni. Il palazzo fu per secoli la villa estiva dei vescovi di Todi. Il cardinale Altieri, appartenente alla nobiltà romana, lo portò al massimo della sua bellezza e fece decorare con i suoi stemmi il cortile del pozzo con stelle a 8 punte e api (stemma dei Barberini, con cui era imparentato). In tutto il palazzo la firma del cardinale è inoltre presente in ogni marcapiano e su tutti gli architravi delle finestre.
Alla fine del percorso, per chi vorrà, la visita proseguirà con i propri mezzi alla cappella rurale della Madonna dei Portenti nel territorio di Monte Castello di Vibio che dista pochi chilometri da Fratta Todina, un affascinante luogo di culto, dove, secondo la tradizione, nel 1732, avvennero due apparizioni mariane ed è meta, ogni anno, di un tradizionale pellegrinaggio.
L’evento è coordinato dal Gruppo FAI di Todi mentre le visite saranno svolte dagli “Apprendisti Ciceroni” degli istituti superiori di Todi: Liceo “Iacopone” e Istituto “Ciuffelli – Einaudi”. Le visite verranno effettuate dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 e non è necessaria la
prenotazione.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter