Condividi su facebook
Condividi su twitter
La serata ha richiamato al Teatro comunale 330 persone; soddisfazione, a parte un disguido finale, sia negli organizzatori che tra i partecipanti

Come è andato il tanto atteso “Veglionissimo dell’Umbria”, evento carnevalesco recuperato quest’anno da ormai lontane tradizioni cittadine? Al Teatro Comunale di Todi si sono presentate martedì sera in “abito di circostanza” 330 persone, un numero non corrispondente al tutto esaurito ma più che sufficiente per decretare la piena soddisfazione del comitato organizzatore di “Carnevalandia” guidato da Luca Rossini. “Avremmo potuto puntare anche a qualche ingresso in più – dichiara – ma si è preferito evitare un affollamento eccessivo per garantire la giusta fruibilità degli spazi a disposizione degli ospiti e per non snaturare il livello e il carattere della manifestazione“.

Plausi unanimi ha riscosso la scelta del maestro Mazza e della band composta per la maggior parte da elementi dell’orchesta di Buona Domenica, la cui esibizione ha strappato applausi scroscianti. L’unico inconveniente si è verificato al momento in cui sul palco è salito, per la seconda parte della serata, il complesso di appoggio che, a seguito di una incomprensione con il service, si è trovato privo di un’adeguata amplificazione ed ha quindi interrotto quasi subito la sua esibizione. “Si è trattato di un deprecabile disguido – conferma Rossini – del quale mi sono scusato con la ventina di coppie ancora presenti e che, data l’ora ormai tarda, sono convenuti sulla scelta di soprassedere al ripristino dell’impianto”.

Il carnevale 2008 si è chiuso così a Todi senza il “botto”, ma con tutte le migliori premesse per riproporre e ampliare la formula e il programma sperimentato quest’anno. “In effetti – commenta Rossini – ho ricevuto dai partecipanti molti apprezzamenti e tante sollecitazioni per dare continuità al Veglionissimo, appuntamento che, con maggior tempo a disposizione per l’organizzazione, potrà far rivivere alla città gli antichi fasti, pur in un contesto sociale e culturale che è indubbiamente cambiato e del quale bisogna tener conto”.

Nella sezione “Photogallery” è disponibile una serie di immagini della serata.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter