Condividi su facebook
Condividi su twitter
Risposte interlocutorie alle preoccupazioni espresse in commissione della provincia di Perugia sulla situazione del sistema bancario dell'Umbria
perugia-palazzo_della_provincia

Si è svolta nella Sala Partecipazione del palazzo provinciale di Perugia un incontro della seconda commissione consiliare permanente intorno al “Sistema umbro fondazioni Casse di risparmio”.
Il consigliere Luigi Andreani del Pdl, proponente dell’ordine del giorno che ha attivato la discussione, ha spiegato che sono in suo possesso dei dati allarmanti in termini di utili netti nel sistema bancario, e che quindi la situazione è preoccupante anche con riferimento alle fondazioni, da sempre sostenitrici del territorio.
“C’è anche il problema – ha continuato Andreani – di una ipotesi che prevede a breve una fusione delle quattro Casse di risparmio umbre, che sacrificherà i valori, la storia, l’identità delle banche che da circa due secoli hanno efficacemente contribuito allo sviluppo economico della regione”.

Flora Emilia Nini, rappresentante della Provincia di Perugia nella fondazione Carispo, ha puntualizzato che: “La fondazione a Spoleto si muove bene, non ci sono arrivate notizie di fusione, avremo dati più dettagliati quando avremo il bilancio esatto, ma comunque la situazione non presenta dati allarmanti”.
“Come enti – ha aggiunto Giancarlo Pellegrini rappresentante della Provincia nella Fondazione Cassa di risparmio di Perugia – non svolgiamo attività creditizia, abbiamo un ampio patrimonio che destiniamo a varia attività che ricadono positivamente sul territorio: ricerca, formazione, aiuto agli anziani e al volontariato. Grazie agli accantonamenti non abbiamo attuato dei tagli, vedremo come andrà in futuro”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter