Condividi su facebook
Condividi su twitter
Terza tra le regioni italiane secondo il Rapporto Quars, (Qualità regionale dello sviluppo), l'Umbria è nelle aspirazioni più forti dei turisti inglesi
100_3

Quasi a conferma delle tendenze dei vacanzieri italiani che ritengono l’Umbria il polmone d’Italia, il Rapporto Quars, (Qualità regionale dello sviluppo) messo a punto dalla campagna Sbilanciamoci! promossa da 47 associazioni della società civile,  classifica, dopo il Trentino Alto Adige e l’Emilia Romagna, come terza l’ Umbria,  che precede 4) Valle d’Aosta, 5) Toscana, 6) Friuli Venezia Giulia, 7) Veneto, 8) Marche, 9) Lombardia, 10) Piemonte, 11) Liguria, 12) Lazio, 13) Abruzzo, 14) Molise, 15) Sardegna, 16) Basilicata, 17) Puglia, 18) Calabria, 19) Sicilia, 20) Campania.

Un podio che non è niente male se si pensa che la stampa estera, non ha dubbi e per le imminenti vacanze pasquali “sceglie” senza esitazioni l’Italia.
I più autorevoli quotidiani internazionali infatti non lesinano consigli per visite, itinerari, shopping, attività e degustazioni da farsi nel Bel Paese, per altro alla vigilia di una stagione Pasquale che non si preannuncia facile per il nostro turismo. 
Tra le regioni più gettonate l‘Umbria che si avvantaggia, nel caso, dell’endorsment del prestigioso quotidiano Times.
In uno speciale firmato da Robert Ryan nella sua ultima edizione domenicale, il giornale inglese invita i suoi lettori ad andare, in primis, in Umbria a “Castiglione sul piccolo adorabile Lago Trasimeno

Lo rivela una ricerca effettuata dal massmediologo Klaus Davi che attraverso il monitoraggio della stampa estera, ha istituito un Osservatorio Internazionale sull’immagine turistica delle regioni italiane.
La Regione amministrata dal governatore Catiuscia Marini raccoglie elogi anche da altre testate inglesi come l’autorevole Financial Times per i suoi alberghi storici  e dal Guardian per la sua eccellente enogastronomia.

I francesi invece optano decisamente per la Campania promossa dall’influente quotidiano Le Monde che in un recente articolo a firma di Jean-Claude Ribaut, aizza a i propri lettori a recarsi in Italia per “assaporare le prelibate specialità regionali come l’eccezionale pasta di Gragnano prodotta in modo artigianale e garantita dal marchio IGP” .
Mentre Rachel Dixon, sul famoso Guardian, propone tour alternativi nella Regione di Stefano Caldoro per trascorrere “un’idilliaca settimana in barca lungo la magnifica costiera amalfitana tra Capri, Ischia o una delle altre isole Flegree, ammirando le bellezze di Sorrento, Positano e Ravello”

Guadagna consensi anche la Sardegna
, oltre che per le sue incontestabili bellezze naturali anche per la sua ottima cucina. Sempre sul fronte inglese infatti, il Telegraph consiglia di trascorrere le festività pasquali nella regione definita: “Terra di montagne, spiagge e di cibo meraviglioso, patria di pastori e pescatori. Il loro pecorino è fra i migliori ma la vera ghiottoneria è la bottarga”

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter