Solo alcune opzioni dell'Istituto “Sandro Pertini” di Terni, non sono state accolte
scuola

Il Consiglio regionale ha approvato l’atto amministrativo contenente le “Opzioni degli Istituti tecnici e professionali dell’Umbria per l’anno scolastico 2012-2013. Accolte tutte le proposte degli Istituti scolastici richiedenti, tranne quelle dell’Istituto “Sandro Pertini” di Terni riguardanti le opzioni per operatori meccanici, elettrici, elettronici, termoidraulici e operatori del benessere (acconciature e estetica) e dell’abbigliamento, ritenute non attinenti al Piano regionale dell’offerta formativa e della programmazione della rete scolastica, trattandosi di qualifiche da realizzarsi nell’ambito della programmazione regionale del Sistema di istruzione e formazione professionale in regime di sussidiarietà.

Con 27 voti favorevoli ed una astensione (Cirignoni, Lega Nord), il Consiglio regionale ha approvato l’atto amministrativo che il relatore, Massimo Buconi, presidente della terza Commissione consiliare, ha illustrato in Aula: “È previsto che gli Istituti professionali e gli Istituti tecnici – ha spiegato – siano organizzati in settori, indirizzi e articolazioni, nonché in un numero contenuto di ‘opzioni’ incluse in un apposito elenco nazionale da definirsi con decreto del Ministero su parere della Conferenza Stato-Regioni. Nei tavoli tecnici nazionali, ai quali prendono parte gli assessori regionali all’Istruzione, è emerso l’orientamento verso un effettivo inserimento di tali opzioni già dall’anno scolastico 2012-2013, al fine di favorire l’ampliamento dell’offerta formativa regionale che possa soddisfare meglio le esigenze presenti nel territorio. Tali articolazioni e opzioni sono attivabili al terzo anno di corso e quindi, per i percorsi avviati nell’anno scolastico 2010/11, a partire dall’anno scolastico 2012/2013. Perciò con deliberazione di Giunta regionale (n.108 – febbraio 2012) la Regione, nell’ottica di favorire l’inserimento delle ‘opzioni’ fin dall’anno scolastico 2012/2013, ha concesso alle Istituzioni scolastiche la possibilità di richiedere l’autorizzazione ad attivare una o più opzioni inviando le richieste alla Provincia competente e per conoscenza all’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria”.

Per quanto riguarda la Provincia di Perugia, sono state accolte tutte le proposte degli Istituti scolastici richiedenti. Nella Provincia di Terni, sono state accolte tutte le proposte degli Istituti scolastici richiedenti ad eccezione delle seguenti richieste dell’Istituto Professionale per l’Industria e Artigianato "Sandro Pertini" di Terni: operatore del Benessere (indirizzo acconciatura e indirizzo estetica); operatore meccanico, elettrico, elettronico, operatore dell’abbigliamento, operatore di impianti termoidraulici, operatore alla riparazione dei veicoli a motore. “La Provincia di Terni – ha spiegato Buconi – ha deliberato che non è possibile prenderle in considerazione in quanto non attinenti al Piano regionale dell’offerta formativa e della programmazione della rete scolastica”.

condividi su: