Condividi su facebook
Condividi su twitter
Il Consiglio di Amministrazione non si è sottratto al dovere di rappresentare agli enti pubblici soci tutte le gravi difficoltà, in primis di natura finanziaria, e di natura economica, che per il 2012 la Società è costretta a fronteggiare

Umbria TPL e Mobilità ha chiuso al 31/12/2011 con un risultato di sostanziale pareggio (utile pari a € 84.048,00).
Questo è il primo bilancio, in termini patrimoniali ed economici, dalla costituzione dell’Azienda unica avvenuta alla fine dell’anno 2010.

“Il raggiungimento dell’obiettivo dell’equilibrio del bilancio per il 2011, in presenza di significativi incrementi di costi sopportati dalla Società nel corso dell’anno (aumento dei prezzi dei carburanti, aumento degli oneri finanziari e altri incrementi correlati alla particolare inflazione di settore), ed in presenza della esigenza di procedere ad accantonamenti per fronteggiare situazioni debitorie pregresse, è stato possibile, comunica la società,  da un lato, grazie ai risparmi conseguenti agli effetti della fusione, e, dall’altro, grazie a disponibilità presenti nella situazione patrimoniale della Società (avanzi di fusione, ecc.).”
C’è quindi una componente eccezionale che potrebbe aver esaurito i suoi effetti positivi già nel corso dell’anno corrente

“Per quanto riguarda i risparmi conseguenti alla fusione, segnala la società, meritano una citazione la riduzione della forza lavoro pari a 76 dipendenti al 31 dicembre 2011, riduzione che potrà raggiungere le 102 unità entro il 2012, la diminuzione delle spese per consulenze e, comunque, una particolare attenzione alle altre voci di costo governabili dal "sistema azienda".
Alcuni aspetti significativi emergenti dal bilancio al 31 dicembre 2011:
• I costi della produzione passano da € 120.558.047 dell’anno 2010 ad € 133.262.048 dell’anno 2011. L’incremento del valore è influenzato anche dall’intervenuta fusione della controllata Società Sira.
• I costi del personale, pari a complessivi € 66.471.247 incidono per il 49,88% sul totale dei costi della produzione, significativamente al di sotto della media nazionale.
• L’utile dell’esercizio, pari ad € 84.048, è al netto dei costi di ammortamento, effettuati per complessivi € 12.604.027, di accantonamenti al fondo rischi oneri, vertenze, ecc. per € 2.487.873, ed imposte sull’esercizio pari ad € 1.557.798.

La dimensione della Società così come risultante dalla aggregazione delle preesistenti è rilevabile dai seguenti indicatori:
Produzione del servizio:
• Trasporto pubblico locale su gomma                       km               23.732.402
• Trasporto ferroviario                                                      km                 2.182.460
• Navigazione                                                                    km                       72.359
Attività collaterali di gestione:
Mobilità alternativa
Funicolare Orvieto    ore servizio                 4.748
Minimetrò Perugia    n. impianti                           1
Ascensori                   n. impianti                         40
Scale mobili               n. impianti                         65
Tappeti mobili            n. impianti                         20
Parcheggi
Parcheggi: posti di superficie   n.                                    4.609
Parcheggi: posti in struttura      n.                                    1.775
Viaggiatori trasportati (esclusi i servizi di Roma):
TPL:
Servizi urbani             n.                         22.068.956
Servizi extraurbani    n.                            8.189.755
Servizi ferroviari         n.                            1.014.281
Navigazione               n.                               300.000
Mobilità alternativa (scale mobili, minimetrò di Perugia, funicolare di Orvieto)                   n.                         15.000.000
Totale                          n.                         46.572.992
Personale in forza al 31 dicembre 2011        n.                                    1.496
Mezzi utilizzati:
Servizio Tpl gomma: autobus in dotazione    n.                                        838
Servizi ferroviari: treni                                          n.                                          46
Servizio navigazione: navi e battelli                  n.                                          17
 
Il Consiglio di Amministrazione di Umbria Tpl e Mobilità, composto dal Presidente Giovanni Moriconi e dai Consiglieri Riccardo Petroni, Sergio Sbarzella, Gilberto Stella e Piero Sunzini, nel sottoporre alla approvazione della Assemblea dei Soci il bilancio dell’esercizio 2011, ha espresso la propria soddisfazione per il risultato di bilancio conseguito in un contesto di riferimento estremamente precario.
Analoga soddisfazione è stata espressa per gli ulteriori passi in avanti fatti sul percorso della integrazione delle realtà preesistenti e sui processi di razionalizzazione avviati, rispondendo, in tal modo, agli intendimenti e obiettivi degli Enti soci.

Parimenti, e per il dovuto senso di responsabilità, lo stesso Consiglio di Amministrazione non si è sottratto al dovere di rappresentare alla compagine societaria tutte le gravi difficoltà, in primis di natura finanziaria, e di natura economica, che per il 2012 la Società è costretta a fronteggiare con una intensità crescente, auspicando, per tali problematiche, la dovuta attenzione dei Soci.
Il Bilancio è stato approvato dall’Assemblea dei Soci, rappresentati dall’Assessore Silvano Rometti per la Regione Umbria, dall’Assessore Luciano Della Vecchia per la Provincia di Perugia, dall’Assessore Roberto Ciccone per il Comune di Perugia, dall’Assessore Giancarlo Cintioli per il Comune di Spoleto e dal Presidente Sergio Sbarzella per ATC – Azienda Trasporti Consorziali di Terni. Sono inoltre intervenuti i membri del Collegio Sindacale e il Revisore legale Filippo Mangiapane.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter