Condividi su facebook
Condividi su twitter
L'assessore al personale della Regione Umbria smentisce che la spesa per il personale a bilancio sia  97 milioni di euro ma è 67 milioni
perugia-broletto2

Lo aveva già detto ed ora lo ribadisce, smentendo le Cassandre di turno forse disattente.
Nessuna presunta ‘bocciatura’ da parte del Governo, né alcuna necessità di indossare ‘loden’ e quant’altro: la Regione Umbria, dal 2010 ad oggi ha realizzato una diminuzione delle spese per il personale costante e rimarchevole da un punto di vista quantitativo”.

E’ quanto afferma l’assessore regionale al personale, Gianluca Rossi, in merito a notizie di stampa secondo le quali la regione Umbria spenderebbe per il personale ben 97 milioni di euro annui: “E’ una cifra assolutamente inesatta.

La cifra vera è quella ufficiale contenuta nel bilancio regionale, cifra certa e certificata: per l’anno in corso la spesa sarà di 67 milioni di euro, quanto è stata nel 2011 che a sua volta è diminuita di cinque milioni di euro, rispetto ai 72 milioni di euro del 2010”.

“Inoltre, per effetto degli ulteriori provvedimenti assunti dalla Giunta regionale, la spesa per il personale subirà in futuro ulteriori diminuzioni. Tengo a sottolineare come, sempre a partire dal 2010, anche il numero di dipendenti e dirigenti, sia progressivamente diminuito.
Tutto ciò fa sì che la Regione Umbria sia già in linea con quanto disposto dal “decreto 95” del Governo Mondi, sulla spending review”.
  

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter