Condividi su facebook
Condividi su twitter
Un Reparto che comprenderà  50 uomini in divisa per contrastare la crescente criminalità
polizia

A Perugia sarà istituito un nuovo nucleo operativo denominato “Reparto Prevenzione Crimine Umbria” allo scopo di arginare la sempre crescente criminalità nel capoluogo regionale e nell’intero territorio.
Ne da notizia il segretario regionale dell’UGL, Enzo Gaudiosi, che esprime profonda soddisfazione "per la firma sul decreto, dal parte del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza – dr. Antonio Manganelli,  che prevede l’istituzione di un "Reparto Prevenzione Crimine Umbria” con sede in Perugia".

Il Reparto comprenderà  n. 50 uomini in divisa, sarà cosi articolato:  1 Commissario, 5 Ispettori, 10 Sovrintendenti, 34 tra Agenti ed Assistenti.
"Una risposta forte e concreta del Viminale – dice Gaudiosi – contro una criminalità che negli ultimi tempi  sempre più frequentemente porta Perugia nelle prime pagine della stampa nazionale.  L’Ugl Polizia di Stato si è da sempre battuta con manifestazioni locali e nazionali  portando su tutti i tavoli istituzionali le ragioni per le quali ritiene assolutamente necessario  l’istituzione di un Reparto Mobile o di Un Nucleo Prevenzione Crimine a Perugia.
La strategia del Viminale ha optato per il Nucleo Prevenzione Crimine, dando così  la  possibilità a ben 50 umbri di rientrare in sede e prestare servizio vicino casa, fatto  particolarmente importante anche sotto l’aspetto del risparmio economico per lo Stato; basti  pensare che oggi si sta affrontando la criminalità a Perugia con continue aggregazioni di  personale in divisa che proviene da Firenze, Roma, Bologna e Pescara".

“Questo decreto – conclude Gaudiosi – è un risultato che premia tutti coloro  politici ed amministratori locali  che, come l’UGL Polizia di Stato, si sono impegnati nel chiedere e proporre soluzioni tangibili,  per rinforzare l’ormai scarno “esercito” delle Forze di Polizia e per ridare la città di Perugia ai  perugini”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter