Condividi su facebook
Condividi su twitter
Le elezioni del Direttivo per il quadrienno 2013-2017 hanno visto riconferma del presidente, vicepresidente e tesoriere uscenti
consiglio


L’Ordine degli ingegneri della provincia di Perugia
ha rinnovato il proprio Consiglio per il quadriennio 2013-2017. Riconfermati il Presidente Roberto Baliani ed il Vice presidente  Gianluca Spoletini e il tesoriere Nando Nottoli.
Il Consiglio risulta essere così composto: Paolo Anderlini, Roberto Baliani, Marco Balducci, Leonardo Banella, Elena Battaglini (nel ruolo di segretario), Luca Cesaretti, Marco Fabiani, Andrea Galli, Luca Leopardi, Stefano Mancini, Massimiliano Meccoli, (tesoriere), Massimo Pera, Fabio Radicioni, Gianluca Spoletini.
“L’operato degli ingegneri ha un insostituibile ruolo sociale – afferma il presidente Baliani – in quanto l’esercizio della loro professione è finalizzato a garantire livelli adeguati di sicurezza e salute dei cittadini oltre che ad essere indispensabile motore di crescita economica per la collettività. La loro competenza spazia, per grandi linee, dall’architettura, all’edilizia, idraulica, meccanica, informatica, elettronica, salvaguardia del territorio, approvvigionamento energetico, salute e sicurezza dei lavoratori. Il loro ruolo può essere di libero professionista, dipendente pubblico o privato oppure imprenditore, ma in ogni caso l’ingegnere, nello svolgimento di tutte queste attività, è garante della sostenibilità e sicurezza dei processi. L’indipendenza del suo operato, sia dal potere politico che da quello economico, tutela sia i cittadini che le istituzioni. In questo contesto  – prosegue il presidente – l’Ordine rappresenta il luogo di aggregazione di tutti gli ingegneri, dove gli stessi possono confrontarsi e, attraverso iniziative scientifiche e culturali, accrescere e tenere sempre aggiornate le loro competenze. Ma il compito primario e istituzionale dell’Ordine è, soprattutto, quello di svolgere un ruolo fondamentale di garanzia per i cittadini vigilando affinché l’operato dei propri iscritti sia improntato al rispetto dell’etica e della deontologia professionale. E’ in questo senso – conclude Baliani – che il nostro Consiglio intende rafforzare il proprio impegno, nei prossimi quattro anni, aprendosi a tutte le iniziative utili ai propri iscritti e alla Collettività e confrontandosi con le altre istituzioni sugli argomenti di maggior rilevanza sociale”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter