Con l’approssimarsi  delle elezioni amministrative, che si terranno verso la fine del prossimo mese di maggio insieme alle Europee, si intensifica da parte dei socialisti il lavoro di approfondimento e di confronto per saper gestire al meglio questo fondamentale appuntamento.
L’intento è quello di mettere a disposizione della comunità di Marsciano il migliore contributo possibile sia come idee/progetti per il futuro che come risorse umane, cercando di coniugare in modo ottimale esperienze, competenze, rinnovamento e parità di genere.
Lo sforzo è quello di una elaborazione programmatica concreta, che risponda alle aspettative dei soggetti sociali e dei singoli cittadini e, nel contempo, di proporre persone rappresentative dell’intero territorio, in grado di saper sostenere e difendere nelle istituzioni gli interessi primari della comunità, ad iniziare dal diritto al lavoro, rimanendo sempre saldamente ancorati ai valori di libertà e giustizia sociale che costituiscono le radici fondanti del Socialismo.
Il PSI desidera dare voce a tutto il territorio, ben cosciente che una buona amministrazione deve trovare i giusti equilibri e coltivare i legami tra capoluogo e frazioni, tra aree a prevalente economia industriale-manufatturiera e territori con vocazione agricola e agrituristica.
Un’attenzione tutta particolare andrà mantenuta nei confronti delle frazioni che hanno subìto gli effetti del terremoto e che debbono ancora realizzare la parte più importante della ricostruzione, per la quale sono finalmente a disposizione risorse consistenti; queste non sono ancora sufficienti ed a questo proposito non è apparso molto condivisibile il provvedimento di soppressione delle accise sulla benzina e comunque, al fine del reperimento di ulteriori risorse, il PSI si adopererà significativamente, impegnando il proprio Gruppo Parlamentare.
Partendo da queste premesse, il Direttivo della sezione, nella riunione del 14 gennaio, ha affrontato il tema delle prossime elezioni amministrative, con particolare riguardo alle future alleanze ed alla conseguente coalizione.
Il Direttivo rinnova il giudizio largamente positivo sull’attività sviluppata dall’Amministrazione uscente, in un contesto di acutissima crisi economico-finanziaria e di crollo delle risorse disponibili, con l’aggiunta drammatica di calamità naturali, quali del terremoto che ha colpito il territorio a nord del Comune nel dicembre 2009 e l’alluvione del novembre 2012.
Si ribadisce, di conseguenza, l’orientamento a riconfermare l’attuale maggioranza anche se il PSI intende fermamente ribadire che tutto ciò è legato a due condizioni ineludibili:
1. Un accordo sulle fondamentali scelte programmatiche, su cui è opportuno avviare al più presto un confronto con i partiti e movimenti civici alleati;
2. Un accordo a livello regionale con il il PD in ordine alla legge relativa all’elezione del prossimo Consiglio Regionale, perché far parte della stessa maggioranza di governo presuppone un rapporto di fiducia e di rispetto reciproco, a tutti i livelli.
I Socialisti avvieranno  quindi nei prossimi giorni degli incontri a due con le singole forze di maggioranza per iniziare un serio ed approfondito confronto sulle scelte ritenute prioritarie per la prossima consiliatura.
Allo stesso tempo verranno proseguite le riunioni con le realtà locali e con i principali soggetti sociali al fine di raccogliere in maniera compiuta le proposte ed i bisogni che emergono dalla nostra comunità ed in particolare dalle sue energie più vive.
In particolare il PSI desidera confrontarsi con i cittadini delle frazioni terremotate, anche in relazione ai segnali di forte malessere emersi nel corso delle recenti elezioni politiche i cui risultati derivano, a nostro giudizio, in parte dal disagio grandissimo che scaturisce dal sommarsi dei fattori di crisi generale e locale ed in parte da una possibile insufficiente relazione tra cittadini e forze politiche che amministrano il Comune.
A questo proposito e per concorrere a dar soluzione ai tanti problemi che affliggono le zone terremotate il PSI s’impegnerà validamente per l’elezione di un consigliere comunale che possa fungere da elemento fortemente rappresentativo di tale comprensorio.
In sintesi l’obiettivo politico dei Socialisti è quello di candidarsi nuovamente a responsabilità di governo del Comune di Marsciano, con lealtà ma anche con pari dignità rispetto alle altre forze politiche, con una costante autonomia di giudizio e di proposta, ciò che ha consentito fino ad oggi di mantenere elevata la capacità e la qualità della rappresentanza istituzionale del PSI.

condividi su: