Preg.mo Presidente Ascom Todi,

la perdurante crisi impone uno sforzo di tutti i livelli istituzionali, siano essi di governo che di opposizione, nel monitoraggio e nell’individuazione di strategie condivise che possano favorire una ripresa del sistema economico. In particolare la nostra città paga, da questo punto di vista, il dazio di alcune scelte, che, indipendentemente dal giudizio di merito, hanno determinato o determineranno un ulteriore impoverimento del tessuto socio economico del territorio.

Il riferimento è ovviamente alla possibile chiusura del tribunale cittadino e all’avvenuto spostamento dell’ospedale di corso Matteotti.

Relativamente alla seconda questione, avendo essa attraversato due fasi di governo cittadino non in continuità politica, riteniamo di poter far riferimento all’associazione da Lei presieduta per un confronto che, a circa due anni di distanza, possa rappresentare la situazione commerciale di quell’importante porzione di territorio cittadino.

Tale confronto sarà ovviamente propedeutico ad un eventuale azione volta a suggerire all’organo di governo cittadino, elementi che migliorino e favoriscano lo sviluppo di quell’area, partendo da una valutazione sull’impatto prodotto dai nuovi servizi Asl presenti.

Con l’occasione crediamo necessario riavviare inoltre un serrato confronto sul futuro del resto della struttura dell’ex ospedale, per il quale ci riserviamo di rappresentare alcune idee e proposte su cui avremmo il piacere di confrontarci.

Riteniamo che in questo momento, per certi versi drammatico, il ruolo di chi come noi si trova all’interno delle istituzioni, pur in una posizione di non governo, debba comunque essere volto ad individuare strade e percorsi che vadano incontro alle esigenze dei cittadini, uscendo da una mera logica di contrapposizione e favorendo un confronto costante e proficuo.

In attesa di una risposta e di una sua disponibilità al confronto, Le inviamo i più cordiali saluti.

condividi su: