Condividi su facebook
Condividi su twitter
In occasione di "Frantoi Aperti", la Regione Umbria ha illustrato una piattaforma di monitoraggio sviluppata dalla Teamdev di Collazzone nell'ambito di un progetto europeo
Senza nome1

C’è una società di Collazzone “dietro” ad un progetto innovativo  di cui si è parlato oggi alla conferenza stampa di presentazione di “Frantoi Aperti”, nel corso della quale la Regione Umbria ha illustrato il programma di monitoraggio della mosca dell’olivo su tutto il territorio umbro attraverso applicativi software di ultima generazione prodotti, appunto, dalla Teamdev.

Il servizio, tramite portale web, dà indicazioni agli operatori sulla presenza del parassita e su modalità e tempi più idonei per intervenire grazie a bollettini fitosanitari e ad una piattaforma basata sul sistema “Agricolus”, sviluppato nell’ambito del programma “SpeedUp Europe”. Basta collegarsi al sito http://regioneumbria.agricolus.com o scaricare la App e l’utente registrato può ricevere una informazione immediata legata al luogo, visto che il sistema tiene conto della collocazione geografica.

La Regione ha sfruttato l’esperienza dalla società ‘TeamDev’ che, per conto dell’Unione Europea, sta sviluppando la piattaforma informatica Oliwes nell’ambito del programma “Future Internet Enabled Agricultural Applications”. Nella campagna olearia 2015 è stato poi sviluppato e adattato il sistema alle esigenze dell’agricoltura umbra.
I software utilizzano la tecnologia open source Fiware, un ecosistema sostenibile e open source che faciliterà lo sviluppo di nuove applicazioni intelligenti in molteplici settori.

Oliwes – questo il nome della piattaforma – è una piattaforma che permette un campionamento della mosca per singoli territori sulla base di un sistema informativo geografico basato su Cloud Computing. Attraverso trappole distribuite sul territorio si verifica la presenza della mosca e i dati sullo sviluppo dell’insetto vengono inseriti nel sistema direttamente in campo grazie a una App dedicata o attraverso un sito web responsivo. Queste informazioni possono poi essere integrate da dati sul campionamento delle olive che determinano il corretto momento per intervenire.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter