Condividi su facebook
Condividi su twitter
Storie straordinarie di imprenditori: consegnate a 32 persone le "Aquile di Calimara"
Aquile d'oro

La signora Giuseppa di Gubbio, che ad oltre 80 anni lavora ancora nella suo ingrosso di prodotti alimentari, insieme e 5 figli e due nipoti, e l’albergatore di Perugia che a 90 anni segue ancora la sua struttura ricettiva insieme alla moglie: esempi di donne e uomini che hanno alle spalle storie straordinarie e che anche in età avanzata sono un punto di riferimento per le loro imprese e per figli e nipoti che ne continuano l’attività. A loro è andato il riconoscimento di Maestri del commercio 2017 e sono state assegnate le Aquile di diamante, d’oro e d’argento – per aver superato rispettivamente i 50, 40 e 25 anni di attività – nel corso di una cerimonia promossa da 50&PIU’ della provincia di Perugia, l’associazione degli anziani del commercio nata nell’ambito di Confcommercio.

L’evento si è svolto domenica 22 ottobre a Perugia, nella suggestiva cornice della Sala dei Notari, in clima di grande festa, con i premiati attorniati da familiari ed amici. Il riconoscimento – che fa riferimento all’Aquila di Calimala, simbolo della più antica corporazione dei mercanti italiana – ha una periodicità biennale, si svolge ogni anno in una diversa città dell’Umbria e rappresenta il momento clou dell’attività di 50&PIU’, con l’obiettivo di celebrare persone che hanno dedicato la propria vita al lavoro, allo sviluppo e alla vitalità dell’economia locale.

Trentadue i premiati: le Aquile di diamante (50 anni di attività) sono stata assegnate a Rodolfo Mencarelli, Elisa Ramacci, Marcello Mariani, Aldo Zoppitelli, Emma Citti, Giselda Cecchini; le Aquile d’oro (40 anni di attività) a Luciano Bedini, Paolo Roselletti, Marco Pittola, Marco Garzini, Rosalba Galeazzi, Massimo Palomba, Antonio Ceccacci, Gabriella Vannoni, Enrico Arcangeli, Enzo Casciari, Bruno Cicchi, Lucio Minelli, Pietro Murgia, Giorgio Mencaroni, Valeria Guarducci, Sergio Mercuri; le Aquile d’argento (425 anni di attività) sono state assegnate a Marilda Binacci, Lucio Lupini, Fabrizio Rosati, Milena Gaggioli Santini, Lucio Gaggioli Santini, Nadia Gaggioli Santini, Mara Gaggioli Santini, Guglielmo Gaggioli Santini, Palmira Ciuchi, Patrizia Rossi.

Unanime anche il riconoscimento dei rappresentanti delle istituzioni per il valore di tanti imprenditori che rappresentano la parte sana e produttiva dell’Umbria e che hanno saputo coniugare tradizione e capacità di adattamento alle nuove esigenze del mercato.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter