I cantanti e i giovanissimi musicisti della “Roma Youth String Orchestra”  sono stati a lungo applauditi
cof

Una serata magica quella vissuta mercoledì sera dagli spettatori massetani nel Chiostro di S. Maria della Pace, ospiti in un raffinato salotto dell’800  del soprano Roberta Di Nicola, del contralto Tiziana Pizzi, del baritono Massimo Simeoli e dell’Ensemble strumentale composto da Emilia Nigro, Edoardo Rauco, Alberto Vitolo, violini; Giovanni Nigro, viola; Piero Liuzzi, violoncello; Valerio Tesoro, pianoforte. Alberto Vitolo dell’Ensemble è anche Maestro concertatore. L’Ottocento è stato un secolo d’oro per la musica d’ogni genere, da quella classica alla più leggera, ma anche per le arie, le romanze, la canzone napoletana, l’operetta.
In questi generi un protagonista indiscusso dell’Ottocento è stato il compositore Francesco Paolo Tosti, abruzzese di nascita (Ortona, 1846), ma musicalmente formatosi a Napoli.  Tosti è autore di oltre 500 romanze, i cui testi sono stati scritti non soltanto da abili e ispirati parolieri ma anche da romanzieri e poeti, come Fogazzaro e D’Annunzio. E Tosti è stato anche il protagonista del salotto musicale di mercoledì sera, con alcuni dei suoi classici: Vorrei morir, Non t’amo più, A vucchella,  A Marechiare, il cui testo si deve al grande poeta e commediografo napoletano Salvatore Di Giacomo.  Alternate alle composizioni di Tosti, altre perle dell’Ottocento: un brano d’operetta, un trascinante valzer, una poesia di Baudelaire dedicata alla musica e poi: Te voglio bene assaje, Reginella, Era di maggio, A’ sciantosa. E, in conclusione, il classico dei classici napoletani: O sole mio, scritta dal giornalista Giovanni Capurro, musicata da Eduardo di Capua, composta nel 1898 ma i cui diritti per una querelle giudiziaria scadranno soltanto nel 2042!

Grande, meritato il successo, a lungo applauditi il Maestro, i cantanti, i giovanissimi musicisti, che hanno conquistato l’ammirazione e l’affetto del pubblico. A loro l’augurio di una lunga e luminosa carriera.
Produzione a cura dell’Associazione Musicale Reggina Domenico Scarlatti, “Il salotto da camera dell’800” è stato il terzo appuntamento dei concerti al Chiostro nell’ambito del Campus musicale della “Roma Youth String Orchestra”, con Alberto Vitolo Maestro concertatore e Direttore.
Appuntamento sabato 28 luglio, alle 21:15, nella Chiesa di San Felice, con Stabat Mater di Giovan Battista Pergolesi.

 

condividi su: