La Lega massetana, con la referente Luana Sensini Passero, intende favorire la costituzione di un’associazione di cittadini che volontariamente prestino servizio sul territorio quali osservatori della sicurezza urbana
massa-martana-ingresso

La referente territoriale della Lega di Massa Martana, Luana Sensini Passero, al fine di potenziare la sicurezza a Massa Martana e nelle frazioni, intende favorire “la nascita di un’associazione di cittadini che volontariamente prestino servizio sul territorio quali osservatori della sicurezza urbana. Chi fosse interessato mi contatti sin d’ora. Ci sono soldi pubblici a disposizione che l’uscente giunta Pd non ha mai voluto utilizzare, perché quelli di sinistra pensano, sbagliando, che si tratti di ronde. Invece gli osservatori per la sicurezza urbana sono dei volontari voluti dal legislatore da impiegare per il controllo dei centri abitati, come previsto dal decreto del ministro dell’Interno dell’8 agosto 2009”.

“Essi hanno l’obbligo – dice Sensini Passero – di segnalare alle forze dell’ordine come i Carabinieri e la Polizia Municipale, gli unici autorizzati a intervenire, anche con la forza, ogni comportamento sospetto sul territorio e pericoli di vario genere per la cittadinanza. Gli osservatori per la sicurezza urbana non sono armati: prevengono i furti nelle case e lo spaccio di droga con la loro presenza e le loro segnalazioni, che indirizzano alle forze dell’ordine. A Massa Martana sarebbero utili nei pressi delle scuole, nel centro storico, nei parchi e nei parcheggi e per controllare il territorio nelle ore serali e notturne o alla mattina, quando tutti escono di casa per andare al lavoro o a fare la spesa”.  

“Vorrei soprattutto impiegare –  spiega Sensini Passero – gli appartenenti, in congedo, alle forze dell’ordine, alle forze armate ed agli altri corpi dello Stato. Risorse umane  e economiche finora sprecate dal Pd: le associazioni dei volontari per la sicurezza urbana possono ricevere finanziamenti pubblici statali, regionali o locali, per l’acquisto di dotazioni strumentali come, ad esempio, automobili riconoscibili e equipaggiate per il controllo del territorio e il mantenimento delle sedi”. 

Per il segretario regionale della Lega, Virginio Caparvi, è un peccato che in 10 anni di governo la giunta del Pd abbia sprecato l’opportunità di dare maggiore sicurezza ai massetani. 

“La legge ministeriale è del 2009 – conclude la Sensini Passero – anno di insediamento del primo governo Bruscolotti, ma i piddini hanno preferito non favorire la nascita di un’associazione di osservatori per la sicurezza urbana, pur prevista dalla legge e incoraggiata dalla prefettura, perché non sono riusciti a capire che quattro occhi vedono meglio di due. Io dico: anche se sul territorio già operano i carabinieri e la polizia municipale, perché non potenziare ancor più la sicurezza dei cittadini per contrastare quei ladri e quei rom che si introducono nelle nostre case?”.

condividi su: