La struttura riabilitativa si prende cura di circa cento persone con disabilità, bambini e adulti con cerebrolesioni gravi e difficoltà nello sviluppo neuropsicologico
madre speranza

Quando aiuti un bambino disabile sostieni anche la sua famiglia. Con questo slogan il Centro Speranza promuove la campagna per il 5X1000 a favore della struttura riabilitativa che si prende cura di circa cento persone con disabilità, bambini e adulti con cerebrolesioni gravi e difficoltà nello sviluppo neuropsicologico, attraverso un percorso educativo e riabilitativo in grado di promuovere la loro crescita personale e relazionale. Il Centro Speranza offre professionalità e amore alle persone con disabilità, ma anche ai loro familiari.

Testimonial della campagna – con tanto di hashtag #sempreconloro – sono infatti Gianluca e la sua famiglia: mamma Chiara, papà Alessio e i due fratelli Gabriele e Alysia, 15 e 6 anni.

«La famiglia di Gianluca – spiegano dal Centro Speranza – ogni giorno affronta con grinta, amore e un pizzico di buonumore le sfide, le difficoltà e le opportunità che la disabilità comporta, perché sulla loro strada hanno incontrato le suore, gli operatori e i volontari del Centro Speranza». E la famiglia di Gianluca è solo l’esempio del supporto che il Centro di Fratta Todina dà alle famiglie. Come loro, sono tante le famiglie del territorio che in questi 35 anni hanno avuto modo di accedere ai servizi del Centro voluto dalla beata Madre Speranza ed essere sostenuti dalle suore e da un’equipe di circa sessanta figure specializzate nel campo della disabilità, che garantiscono la multidisciplinarietà e la possibilità di proporre progetti educativi e riabilitativi individualizzati.

Grazie al contributo dell’associazione Madre Speranza Onlus, è possibile destinare il 5×1000 dell’Irpef riportando il codice fiscale 94088450542. Un gesto semplice e gratuito, per un aiuto grande.

condividi su: