Stesse domande per entrambi i candidati a sindaco, Palombi e Brugnossi, che spiegano il loro programma e cosa faranno in caso di vittoria
Palombi Brugnossi

L’appuntamento elettorale del 26 maggio prossimo, con cui i cittadini saranno chiamati a scegliere chi vorranno alla guida del paese si avvicina. Dopo un primo giro di incontri con gli elettori e la presentazione delle liste e dei relativi programmi, abbiamo realizzato questa intervista doppia ai candidati Sindaco del Comune di Monte Castello di Vibio, Alviero Palombi e Daniela Brugnossi. Il primo è sostenuto dalla lista “INSIEME PER MONTE CASTELLO DI VIBIO Alviero PALOMBI SINDACO”, la seconda sostenuta dalla lista “NUOVA ENERGIA”.

Cosa vi ha spinto a dare la disponibilità per guidare il paese?
Palombi: “Il mio amore per Monte Castello di Vibio, prima di tutto. Nella mia carriera da libero professionista ho lavorato tanto per il mio paese, già dagli anni Ottanta, quando fui chiamato a presiedere la Commissione per lo studio di un piano di recupero del Teatro della Concordia e feci ogni sforzo per il rilancio del nostro patrimonio culturale, con ottimi risultati. Negli ultimi mesi ho accettato l’invito di chi mi chiedeva di mettermi a disposizione per guidare un movimento che sogna qualcosa di più e di diverso per Monte Castello”.
Brugnossi: “La voglia di continuare il mio impegno per il completamento e la piena realizzazione dei numerosi progetti messi in campo in questi 5 anni di amministrazione. Un mandato amministrativo non è sufficiente a portare a compimento politiche lungimiranti che possano dare risultati concreti, soprattutto nell’ambito del settore turistico – culturale, sul quale abbiamo investito tempo, risorse e capitale sociale”.

Di cosa ha bisogno Monte Castello di Vibio?
Palombi:
“Credo che Monte Castello abbia bisogno di sapersi immaginare proiettato nel futuro. Abbiamo estrema necessità di una programmazione seria e di lungo respiro, che coinvolga tutte le parti sociali ed economiche del territorio e disegni la Monte Castello di domani. Per questo è fondamentale coinvolgere i giovani, programmare una politica del turismo che non lasci soli i privati, investire su politiche ambientali che preservino e valorizzino la bellezza di Monte Castello, altrimenti rischiamo di rassegnarci allo spopolamento e alle difficoltà che viviamo”.
Brugnossi: “Il nostro Comune ha bisogno di una politica integrata sul turismo che possa far dialogare tutti gli attori sociali, commerciali e delle attività agricole, artigianali e ricettive del capoluogo e delle frazioni, al fine di costruire una modalità di accoglienza condivisa che punti alla qualità e alla permanenza del visitatore sul territorio. Lo sviluppo di questo tipo di approccio unitamente alla promozione, mediante canali opportunamente studiati, può dare ottimi risultati creando ricadute sull’intera economia del territorio stesso”.

Quale sarà la prima azione in caso di vittoria?
Palombi:
“Faremo due operazioni a costo zero. In primo luogo apriremo un tavolo di lavoro convocando tutte le associazioni del territorio, associazioni di categoria e soggetti privati interessati ad un piano di sviluppo che abbia alla base l’asse “Turismo – Cultura – Enogastronomia”. Inoltre, come già detto negli incontri pubblici, inizieremo il censimento di tutti i beni storici e di interesse culturale del territorio in ottica di un programma di valorizzazione”.
Brugnossi: “Creeremo tavoli tecnici di confronto tra i vari attori sociali, commerciali e delle attività agricole e ricettive dove, unitamente ad esperti di marketing territoriale, si possa costruire una politica integrata sul turismo”.

Qual è il punto di forza del vostro programma?
Palombi: “Il punto di forza del nostro programma sta nel fatto che è il risultato di tanto lavoro e di tante esperienze. Il nostro è un programma amministrativo, ma è anche e soprattutto la nostra idea di sviluppo per Monte Castello, l’immagine che noi abbiamo del paese di domani, e non poteva essere altrimenti per la modalità con cui è nato, per la partecipazione e la condivisione che abbiamo voluto. Un programma di tutti e per tutti, che pone l’accento sui temi del futuro: i centri storici, l’ambiente, il sociale, i giovani, la partecipazione, la sburocratizzazione e tanto altro. Invitiamo tutti i cittadini a leggerlo al sito “www.insiemepermcv.altervista.org””.
Brugnossi: “Il punto di forza del nostro programma è appunto il piano integrato di marketing territoriale utile alla promozione del “prodotto Monte Castello di Vibio” dove potranno trovare spazio e visibilità associazioni e realtà produttive e si possa proporre al visitatore l’intero patrimonio ambientale, culturale e storico artistico del territorio, integrando il valore dei centri storici con le bellezze naturali e paesaggistiche”.

Vogliamo ricordare i vostri prossimi appuntamenti di campagna elettorale?
Palombi:
“Abbiamo già fatto 5 assemblee in cui abbiamo incontrato i cittadini in tutto il comune e abbiamo presentato la lista, lo abbiamo fatto in fase programmatica ascoltando la voce che viene dai territori. Inizieremo ora un nuovo “giro delle piazze”: il 17 maggio saremo a Spineta a spiegare il nostro programma, il 20 nella piazza di Monte Castello, il 22 in quella di Doglio e il 24 a Madonna del Piano”.
Brugnossi: “Gli appuntamenti si terranno lunedì 20 a Madonna del Piano alle 21:15 in Piazza San Biagio; giovedì 23 a Doglio alle 21:15 in Piazza Pietro Mariotti; venerdì 24 a Monte Castello di Vibio alle 21:15 in Piazza Vittorio Emanuele II°”.

condividi su: