Alle porte dei 70 anni la legge impone di fermare le donazioni a causa dell’età; in oltre 50 anni di attività come donatore, ha donato oltre 60 litri di sangue
Mauro Tosi 1

Mauro Tosi, presidente di Avis provinciale Terni, con la sua 166esima donazione ha concluso la sua attività di donatore di sangue doc. La prima volta che ha “prestato” il suo braccio per donare risale al lontano 1968 e a oggi ha donato più di 60 litri di sangue.

“Ora è fondamentale che scendano in campo i giovani – dice Mauro Tosi – l’età media dei donatori è molto alta e serve uno sforzo per ricostruire una rete di solidarietà in un mondo in cui ognuno sembra preoccuparsi solo di se stesso”.

Accanto a Tosi, al Centro Prelievi dell’ospedale di Terni, ci sono il direttore del servizio immunotrasfusionale, Augusto Scaccetti, e il presidente di Avis comunale Terni, Patrizio Fratini: “Un risultato eccezionale ottenuto in oltre 50 anni di attività come donatore, con una costanza ferrea e una straordinaria dimostrazione di solidarietà e amore verso gli altri. Mauro – aggiunge Fratini – deve essere un esempio, uno sprone per le giovani generazioni che sono in una percentuale troppo bassa rispetto a quello che ci aspetta da qui a una decina di anni, quando ci troveremo ad affrontare la cessazione alla donazione della gran parte dei donatori per raggiunti limiti d’età. Oggi gli under 26 sono solo il 20 per cento dei donatori e questo creerà problemi. La 166esima donazione di Mauro rappresenta un esempio importante da seguire”.

condividi su: