Il gruppo Volkswagen nei dati aggiornati a giugno 2019, risulta essere il primo della classe, con una quota di mercato pari al 24,6% del totale
auto km 0 vendite europa vetture

Quando si parla di quattro ruote, più che ad un modello specifico la mente vola immediatamente ad uno stemma, o ad un marchio particolare. Ovvero verso quei loghi famosi che richiamano alla memoria miti e leggende legate ad una certa casa costruttrice.
C’è chi acquista per tutta la vita solo automobili di una determinata marca, e chi invece cerca di provarne diverse, per provare nuove esperienze di guida. Vediamo dunque cosa preferiscono gli automobilisti europei.

Una panoramica europea sulle automobili
Le indagini di settore hanno rilevato un calo del -7,9% a giugno 2019, in termini di vendite di automobili in Europa. Questa diminuzione di immatricolazioni ha colpito in modo più massiccio determinati paesi, come ad esempio la Francia e la Spagna, rispettivamente con un -8,4% e un -8,3%. Anche il Regno Unito e la Germania si sono posizionate in alto in questa classifica, con un calo del 4,9% e del 4,7%. 

E l’Italia? Il belpaese ha registrato una diminuzione di volumi pari al -2,1%, ma andiamo a vedere la situazione relativa ad alcune delle case automobilistiche più note. Partiamo proprio dalla nostrana FCA, che ha registrato un calo pari al -9,5%, seguita dalla Ford con una percentuale del -7,6%. La prima della classe risulta essere ancora una volta la Volkswagen, con oltre 355 mila unità vendute a giugno 2019 e con una quota di mercato pari al 24,6% del totale. 

A cambiare sono anche le preferenze degli automobilisti italiani. Oggi infatti il mercato automotive offre diverse occasioni, tanto che online  si trovano molti annunci di auto a km 0 usate. In questi casi si riesce ad acquistare un veicolo in perfette condizioni ad un ottimo prezzo, visto che spesso le automobili già immatricolate hanno prezzi scontati fino al 20% rispetto al prezzo di listino.

Un approfondimento sul rischio furti in estate
Le previsioni di settore ci dicono che il rischio furti appare in crescita in estate: dopo un quinquennio in cui la situazione era andata a migliorare, adesso torna ad essere negativa. 

Si parla dunque di una circostanza che richiede, da parte degli automobilisti della Penisola, più cure del solito. Il primo consiglio è di fare sempre attenzione, e di spegnere l’automobile disinserendo le chiavi. In secondo luogo, è sempre il caso di sincerarsi di aver chiuso correttamente i finestrini e il tettuccio, se presente. Un altro suggerimento è quello di fare molta attenzione ai parcheggi, evitando le zone a rischio e isolate, in special modo di notte. È meglio affidare la propria auto ad un parcheggio custodito, per evitare guai. Infine, si suggerisce di variare la zona di parcheggio, per non dare la possibilità ai ladri di organizzarsi per il furto.

Concludendo, il settore automotive lascia in dote alcune grandi certezze come il predominio della Volkswagen, e incertezze come i furti, in aumento in estate.

condividi su: