Si ipotizza la realizzazione di un “Festival del Tibet”, un contenitore multiplo che prevedrebbe la realizzazione nella città di una serie di iniziative nel 2020
logo-italia-tibet

La grande vitalità che sta esprimendo l’Umbria nei riguardi della “Questione Tibetana”, grazie anche alle ripetute visite nella nostra regione del presidente nazionale dell’Associazione Italia-Tibet, Claudio Cardelli, ci inducono a ipotizzare la realizzazione anche a Todi di un “Festival del Tibet”. Un festival dedicato alla conoscenza e alla valorizzazione dei molteplici aspetti della cultura e della spiritualità del Tibet.

Todi tra l’altro è stata la prima città umbra a decidere di collocare molti anni fa la bandiera del Tibet nella sede del consiglio comunale. Queste alcune considerazioni espresse nel comunicato stampa del referente umbro dell’associazione Italia-Tibet, il tuderte Pier Francesco Quaglietti.

Il “Festival of Tibet” è un contenitore multiplo che prevede di realizzare nella città una serie di iniziative come: un mostra unica e originalissima “Un Trono tra le Nuvole” dedicata al XIII e XIV Dalai Lama, una serie di conferenze con illustri relatori su vari temi (Tucci, Maraini, la Diaspora del Tibet, la medicina tibetana, I Tulku, le incarnazioni mistiche del Tibet ed altro; una rassegna di film sul Tibet, un bazaar tibetano, la realizzazione di un elaborato Mandala di sabbie colorate, danze rituali dei monaci….).

In questo modo l’intera città e la nostra regione, conclude Pier Francesco Quaglietti, verrebbero interessate per diversi giorni in un’atmosfera di grande spessore culturale e suggestioni straordinarie. Il progetto vedrebbe anche coinvolti alcuni personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo che a livello internazionale lottano per i diritti del popolo tibetano oppresso dalla “dittatura cinese”. Speriamo di potere proporre il progetto nei dettagli a chi di dovere e di realizzarlo  nel 2020.

condividi su: