Ufficializzata l’adesione di Marsciano alla rete dei Comuni amici della famiglia; l’Amministrazione al lavoro sulle prime azioni da mettere in campo
network-nazionale-comuni-family_imagefull

C’era anche il Comune di Marsciano alla seconda convention del network italiano dei Comuni amici della famiglia che si è svolta a Perugia venerdì 27 settembre sul tema “Le politiche familiari: risorsa dello sviluppo locale”. Nato nel 2017, il network riunisce tutti i Comuni che avviano un percorso di promozione e attuazione di politiche e servizi a favore della famiglia, con l’obiettivo di favorire lo scambio di esperienze tra diverse realtà locali.  

La partecipazione di Marsciano fa seguito all’adesione al network avvenuta lo scorso luglio e che proprio nella convention di Perugia è stata ufficializzata, insieme a quella di altri 17 comuni umbri. Per tutti inizia, quindi, il percorso per l’ottenimento del certificato di “Comune amico della famiglia”. Si è inoltre svolta la cerimonia di attribuzione di 5 certificazioni ad altrettanti Comuni italiani, tra cui Todi che diventa il secondo Comune umbro, dopo Perugia, ad ottenerla. La convention sancisce così un’importante crescita del network.

La partecipazione all’iniziativa ha permesso all’amministrazione comunale di Marsciano di conoscere le iniziative messe in campo dalle municipalità che hanno già ottenuto la certificazione di Comune amico della famiglia, e quindi le buone prassi, i servizi, le politiche di agevolazioni economiche, le attività di sensibilizzazione che altre amministrazioni hanno attivato per sostenere la famiglia e rimetterla al centro di una idea di sviluppo sostenibile e di coesione sociale. Un insieme di azioni che il Comune di Marsciano intende innanzitutto approfondire in una prossima conferenza, tra novembre e dicembre 2019, alla quale saranno invitati, oltre ai Comuni di Perugia e Todi, altri enti territoriali, non solo umbri, che hanno aderito al network e le associazioni che lo sostengono, una fra tutte l’Associazione nazionale delle famiglie numerose.

Questo incontro sarà seguito dalla presentazione di un piano strategico di azioni concrete che garantiranno a Marsciano i requisiti per poter ottenere il certificato di Comune amico della famiglia. Sicuramente una di queste azioni sarà l’apertura, ad inizio 2020, di uno sportello della famiglia, dove i cittadini possono rivolgersi per avere informazioni, sbrigare alcune pratiche ed essere accompagnati con professionalità verso i servizi disponibili nell’ambito delle politiche sociali familiari. 

Certo è che l’amministrazione ha iniziato a lavorare fin dal suo insediamento per garantire tutte le condizioni necessarie a dare sostegno a tante famiglie del territorio, che scontano situazioni di criticità. Per fare questo il Comune intende promuovere, con risultati che si potranno vedere già dal prossimo anno, una più ampia e stretta collaborazione con la rete di volontariato esistente, capace di integrare le prestazioni sociali e di fornire servizi di livello professionale, anche laddove la scarsità di risorse pubbliche disponibili, o una loro cattiva programmazione, ha compresso la capacità di intervento da parte degli enti competenti.

Le strategie che saranno messe in campo devono rispondere anche ad una esigenza di superamento della condizione di bisogno in cui versano tanti cittadini e non limitarsi a fornire semplici servizi assistenziali.   

condividi su: