Condividi su facebook
Condividi su twitter
La celebrazione dei due sacramenti rinviate a data da destinarsi: la decisione della Conferenza Episcopale Umbra
foto_cresima_comunione_rqutow

Dopo le celebrazioni pasquali a porte chiuse, la Conferenza Episcopale Umbra ha deciso di rinviate a data da destinarsi anche tutte le comunioni e le cresime programmate tra la Pasqua e l’estate. Sospese dunque le cerimonie per i due sacramenti in tutta la regione.
L’emergenza coronavirus aveva già portato nelle scorse settimane alla sospensione di tutte le attività di catechesi con la conseguenza che “l’attuale situazione non sta consentendo una adeguata preparazione dei fanciulli e dei ragazzi”.
Nel pieno dell’emergenza sociale, dunque, i vescovi dell’Umbria hanno stabilito che “che le celebrazioni della messa di prima comunione e della confermazione – programmate dal tempo pasquale fino all’estate – vengano rinviate ad altro momento opportuno, quando lo consentiranno le condizioni generali”. Con la stessa finalità di “tutelare la salute di persone e comunità”, la Chiesa umbra ha anche sospeso, come già detto, “tutte le manifestazioni esterne di pietà popolare solite compiersi durante la Settimana Santa”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter