Condividi su facebook
Condividi su twitter
I dispositivi sono stati acquistati dalle scuole con i fondi ministeriali stanziati per potenziare la didattica a distanza; la Protezione civile di Marsciano li sta consegnando agli studenti  
Studente e tablet

Sono alcune decine i tablet che le scuole di Marsciano, sia primarie che secondarie, hanno acquistato per potenziare l’attività di didattica a distanza messa in campo a seguito della chiusura delle scuole per l’emergenza pandemica in corso. Gli acquisti sono stati effettuati con i fondi recentemente messi a disposizione degli istituti scolastici con il decreto “Cura Italia” e si sono basati su una ricognizione del fabbisogno di tali strumenti fatta direttamente dalle scuole in base alle esigenze delle famiglie in maggiore difficoltà nel provvedere da sole. 

“La Protezione civile di Marsciano – spiega l’assessore alle politiche scolastiche Dora Giannoni – sta provvedendo in questi giorni a consegnare i device acquistati dalle scuole agli studenti che ne hanno bisogno, così come individuati dalle scuole stesse”. 

La disponibilità per tutti gli studenti di un computer o di un tablet è indispensabile per garantire che attraverso le varie forme di didattica a distanza attivata dalle scuole nessuno resti indietro e si possa portare avanti una parte significativa del programma scolastico anche in questo momento in cui la scuola resta fisicamente chiusa. “Tutte le scuole di Marsciano – continua l’assessore Giannoni – si sono attivate per garantire attraverso videolezioni il prosieguo della didattica e la distruzione dei compiti da far fare agli studenti. Anche i nidi del territorio, a partire dal Rodari di Marsciano e in collaborazione con il Comune, si stanno organizzando con dei progetti da sviluppare online per proseguire un’attività pedagogico-didattica in affiancamento alle famiglie”.

Al sostegno della didattica online potranno contribuire anche aziende locali. “L’amministrazione – spiega infatti l’assessore alle politiche sociali Manuela Taglia – si è attivata con alcuni degli imprenditori che hanno manifestato la volontà di contribuire con forme di aiuto per le famiglie più bisognose, indicandogli la possibilità di donare computer o tablet da far avere agli studenti per lo svolgimento della didattica a distanza”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter