Condividi su facebook
Condividi su twitter
Uno studio valuta l’impatto dell’epidemia di coronavirus e le conseguenti misure restrittive, sulla salute mentale della popolazione
Coronavirus mezzi pubblici

La struttura complessa di Psichiatria dell’Azienda ospedaliera di Perugia, in collaborazione con altre sedi universitarie italiane, ha promosso uno studio di ricerca online con l’obiettivo di valutare l’impatto della pandemia e delle misure di quarantena sulla salute mentale della popolazione.

“Le misure contenitive che gran parte della popolazione italiana sta attuando in queste settimane – sottolinea il prof Alfonso Tortorella – hanno stravolto la vita e le relazioni di tutti noi determinando un significativo cambiamento della routine quotidiana: oltre alla stressante riduzione della libertà personale si devono aggiungono le notizie che in tempo reale ci aggiornano sull’evoluzione del contagio e dei morti. 

Notizie – aggiunge lo psichiatra – che determinano un senso di insicurezza rispetto all’esito del contagio ed aumentano il senso di frustrazione e di malessere percepito. Con lo studio che stiamo portando avanti vogliamo valutare l’entità del fenomeno, le ricadute di carattere sociale e psichico sulla popolazione”.  

Il professor Tortorella, che si avvale della collaborazione della professoressa Patrizia Moretti, e della dottoressa Giulia Menculini, oltre che degli specializzati della disciplina di psichiatria, rivolge un appello ai cittadini di aderire allo studio, collegandosi con il seguente link, per avere un campione di popolazione il più ampio possibile: https://ec.europa.eu/eusurvey/runner/COVIDSurvey2020.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter