Condividi su facebook
Condividi su twitter
Tre giovani, tra cui Luigi Luchetti di Collazzone, hanno dato vita ad una piattaforma che contiene informazioni e contatti sui servizi offerti da negozi, ristoranti e pizzerie nonostante il Covid19 e il lockdown
a

L’epidemia Covid19 e il lockdown hanno rappresentato e stanno rappresentando un stimolo alla modernizzazione della società italiana. Istituzioni ed aziende hanno infatti adottato metodologie innovative per continuare le proprie attività, con una diffusione, tanto per fare due esempi, dallo smart working alle videoconferenze, altrimenti impensabile. E’ stato uno sforzo importante, portato a termine in pochissimo tempo, e che evidenzia la forza di reazione e lo spirito imprenditoriale italiano.

Questa innovazione non è limitata soltanto alle industrie e alle grandi aziende. Molte attività, commercianti, artigiani e professionisti, il vero tessuto economico dell’Italia, hanno dimostrato con coraggio che nemmeno loro si sarebbero fermati: hanno iniziato a consegnare a domicilio, ad erogare i propri servizi da remoto, a raccogliere ordini tramite email e whatsapp.
Ed è proprio attorno a queste attività che si sviluppa il progetto AttivitAperte, un sito web creato da tre giovani per offrire un punto di contatto con i cittadini.

La piattaforma, che contiene informazioni come orari, prodotti e possibilità di consegna a domicilio, risponde sia alla necessità dei commercianti di informare i clienti che sono aperti e operativi, sia al bisogno dei cittadini, costretti a limitare le uscite da casa, di mettersi in contatto con, ad esempio, una pizzeria, un’azienda agricola, una farmacia per ordinare i loro prodotti, anche in comuni limitrofi.

L’elenco, raggiungibile su www.attivitaperte.it, è aggiornata tramite un contatto diretto e personale con le aziende e i negozi, che si sono dimostrati interessati al progetto: sono centinaia gli esercizi commerciali in 20 Comuni dell’Umbria iscritti in poche settimane.
Il progetto, nato con lo scopo di aiutare l’economia locale in modo solidale e completamente gratuito, è portato avanti da Maurizio Carollo, che segue il marketing, Ludovico Lavini, che cura parte tecnica, e Luigi Luchetti, relazioni con le imprese, e Maurizio Carollo, che si occupa di innovazione.

“Il nostro obiettivo è dare alle imprese locali la visibilità che meritano, aiutandole a continuare a vendere anche durante l’emergenza” – ci spiegano – “vogliamo essere un punto di incontro tra aziende e cliente, con la garanzia di fornire sempre informazioni precise e verificate poiché contattiamo singolarmente ogni attività. Ci si può registrare in 5 minuti ed essere subito visibili sul nostro sito”.
Luigi, 25 anni, di Collazzone, aggiunge: “il punto chiave del nostro portale è la semplicità: basta digitare www.attivitaperte.it, e scegliere tra le 25 categorie presenti, dal negozio di alimentari all’elettricista. E’ poi facile selezionare il Comune, o i Comuni, a cui si è interessati, per poter leggere, per ogni attività gli orari, le modalità di consegna e i contatti. Con un click si contatta direttamente l’imprenditore, senza intermediari”.

“Abbiamo immaginato questo strumento per renderlo facilmente adottabile a tutta Italia. Io sono siciliano, e sto lavorando per estendere il progetto alla Sicilia”- conclude Maurizio, 23enne palermitano – “Molte attività si sono organizzate non solo con la consegna a domicilio ma anche con servizi di spedizione: la nostra piattaforma permette quindi alle piccole attività di aumentare, senza alcun tipo di costo per loro, il proprio pubblico al di fuori della Regione. In questo periodo, è fondamentale anche questo”.

condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter